#Aleppo delenda est

C’era una volta. Così cominciavano le fiabe che ascoltavamo quando eravamo piccoli. Generalmente avevano anche un bellissimo lieto fine. Io amavo Robin Hood. Quello vestito di verde, ottimo arciere. Quello che rubava ai ricchi e donava ai poveri.

Oggi, nel mondo, alcuni bambini non ascoltano fiabe. Prima di addormentarsi hanno soltanto il tempo di udire l’ultimo boato. No, non sono i fuochi d’artificio. Sono solo le bombe, che cadono come la pioggia. Sono solo le raffiche di mitra. Sono i rumori impetuosi dell’artiglieria pesante.

Guerra. Fame.

Siria. Aleppo.

Ma potremmo continuare ad oltranza. Perché la Somalia è uno Stato “fallito” da più di vent’anni. Perché la Libia è ancora un grande caos, a poche centinaia di chilometri dal nostro Paese. Perché in Palestina, nei territori occupati dai coloni israeliani, i bambini vanno a scuola scortati dall’esercito, che spesso si dimentica di loro. Perché in Turchia Erdogan si sente onnipotente, ormai. Perché tutti i focolai di guerra che noi abbiamo creato, sostenuto o alimentato, ora fatichiamo a contenerli. Oppure non vogliamo contenerli. Oppure non ci interessano più.

Eppure, gli ‘amici’ a stelle e strisce si erano dati un bel da fare per armare Al Qaeda, dopo l’invasione sovietica in Afghanistan nel 1979. Per esempio.

Mentre noi siamo occupati a dividerci ancora in quelli del No e quelli del Si; mentre ci impegniamo a capire se Valeria Fedeli ha o non ha conseguito il diploma; mentre apprendiamo l’autosospensione del sindaco milanese Beppe Sala; mentre Virginia Raggi commenta l’arresto di Marra; mentre ci si interroga se il governo Gentiloni durerà tre, cinque o otto mesi; mentre semplicemente non mettiamo il naso fuori dai nostri confini geografici…

C’è un popolo che muore. Isolato dal mondo. Umiliato, deriso e abbandonato.

Del resto, abbiamo accettato per secoli che i bambini africani morissero per denutrizione. Cosa cambia, ora? Una guerra in più, poco importa. Però in Europa, #Jesuisparis, #Jesuisbruxelles, #Jesuisnice.

Ma quando le vittime delle bombe sono gli stessi musulmani che noi rifiutiamo, allora è un’altra storia. È sempre un’altra storia, quando non ci riguarda. O non ci tocca da vicino.

Ma noi dobbiamo lottare per loro. Per quei bambini che oggi non hanno l’acqua. Affinché un giorno, spero, potranno ritornare ad essere liberi di vivere e ascoltare. Magari una favola.

A lieto fine.

Commenta con il tuo account Facebook

About Mattia Maestri

Classe 1987, bresciano. Laureato magistrale nel 2015 con un tesi in sociologia della criminalità organizzata, precisamente su "mafia, politica e giustizia", con l'analisi del processo Andreotti.. Sono ricercatore presso l'Osservatorio CROSS e porto avanti percorsi educativi nelle scuole. Faccio parte di Stampo Antimafioso, Unilibera e da poco sono blogger di Qualcosa di Sinistra.

Check Also

#SkamItalia non deve morire

Io cominciai a seguirla un po’ per caso, incuriosito dal sommovimento di fan che invadeva …

32 comments

  1. Ci sono andata era una città bellissima tutta la Siria e bella con i suoi campi pieni di grano ci facevano li mettevano in modo di farle sembrare delle case che noi disegnava da ragazzini .ero innamorata della Siria .

  2. Non c’è nessuna indifferenza dell’Occidente, il quale invece fa del tutto per sostenere, mediaticamente, diplomaticamente, e militarmente, le bande armate islamiste che da anni occupano Aleppo est sottomettendola al terrore nero. Da 4 anni questo popolo muore nell’indifferenza occidentale, sottomesso alle pratiche delle leggi medioevali importate dai mercenari filosauditi e dai fratelli mussulmani locali, i quali hanno introdotto tribunali islamici e sharia, chiuso le scuole e giustiziato a loro guisa “apostati e collaboratori del regime”: e ora che i cittadini sono stati liberati, fioccano gli editoriali strappalacrime: un po’ tardi, e molto ipocrita.

  3. Ovviamente che siano i Russi a bombardare Aleppo non si dice. Così come non si dice che Assad ha liberato centinaia di estremisti islamici dalle carceri proprio per demolire dall’interno la legittima opposizione che era stata protagonista ad Aleppo.
    C’è il “terrore nero” ad Aleppo? Sì beh, le testimonianze delle attiviste su twitter sembrano proprio dire questo.
    Ma tanto la colpa è dell’occidente mica di un dittatore barbaro, sanguinario e di chi lo protegge in consiglio di sicurezza ONU, no?

    Troppo facile adesso. Chi sta bombardando Aleppo città ribelle ha nomi e cognomi, nomi a cui parte della sinistra ha troppo e assai colpevolmente strizzato l’occhio.

  4. Le guerre nel mondo?U.S.A-NATO-ONU i resposabili !!!

  5. Soprattutto dove sono gli esportatori di pace e democrazia?????

  6. Non è che non ci si pensa, anzi. Non si sa che fare, se ancora si può fare qualcosa.
    L’Europa, oltre che con le buone intenzioni e con aiuti umanitari, dovrebbe bombardare i bombardanti o cosa? In quell’inferno nessuno è immune da colpe, né Assad e né i ribelli, neppure gli Arabi, Putin e l’Occidente. Ognuno guarda ai propri interessi.
    Più che fare in modo di risparmiare i civili per ora non si può, purtroppo, e recriminare serve solo ad avere effetto contrario.

  7. Il problema fondamentale è che non c’è una forza politica italiana (o internazionale) in grado di farsi portavoce della minoranza che si pone queste problematiche. Ci sentiamo impotenti dinanzi alla brutalità del male. Ci hanno disgregati nello spazio e nello spirito: ognuno per sé, ognuno pensi a sopravvivere. E così, sostenere un mondo privo di questi orrori sembra essere da idealisti…Idealisti? L’uomo che lancia bombe su dei poveri civili è un realista dunque? Abbiamo accettato che la devianza diventasse normalità e la normalità sogno da deridere. Dobbiamo costruire, non so come, di nuovo una cultura della “bellezza”. Come diceva Peppino Impastato. È tutto qui il senso: i corpi dilaniati, i palazzi sventrati non sono belli. Sono belli i bambini che giocano nei parchi rincorrendo i piccioni. Sono belle le mamme che li tengono d’occhio amorevolmente. I boati delle bombe non sono mai stati belli. Per nessuno!

  8. Luci sfavillanti addobbi di ogni genere….Aleppo macerie polvere disperazione morte perché ? Siamo sulla stessa terra ?BASTA!x VoiPace.

  9. che horrore cuante persone , che massacro poveri bambini !!!!

Lascia un commento