#Guidi e le ragioni del #Sì il #17aprile

Il petrolio è un affare di famiglia, per l’ormai ex Ministra dello Sviluppo Economico, la ‘confindustrina’ Federica Guidi. Intercettata, Guidi – che è stata Presidente dei “giovani” di Confindustria, figlia di Guidalberto, già vicepresidente di Confindustria e membro dei CdA di Fiat e Ferrari – rassicura il compagno, l’ingegnere Gianluca Gemelli, che “riscuremo a mettere dentro quell’emendamento al Senato se è d’accordo Mariaele”. Quella Mariaele è, ovviamente, Maria Elena Boschi.

Subito dopo aver parlato con la compagna, l’ingegnere telefona al dirigente Total Giuseppe Cobianchi per “dare una buona notizia”: “Si ricorda che c’era stato casino e avevano ritirato un emendamento? Pare che oggi riescano ad inserirlo nuovamente al Senato… pare ci sia l’accordo con Boschi e compagni. È tutto sbloccato”. Oltre a questo, ci sarebbe un incontro sospetto, risalente al 18 novembre 2014, fra i dirigenti della Total e Guidi, “fatta conoscere direttamente” dal compagno di quest’ultima.

L’emendamento in questione, inserito nel cosiddetto Sblocca Italia, avrebbe portato all’autorizzazione del giacimento ‘Tempa Rossa’ della Total. La Procura cita appunto il compagno della Guidi che, “sfruttando la relazione di convivenza che aveva col ministro allo Sviluppo economico indebitamente si faceva promettere e otteneva da Giuseppe Cobianchi, dirigente della Total le qualifiche necessarie per entrare nella “bidder list delle società di ingegneria” della multinazionale francese e partecipare alle gare di progettazione ed esecuzione dei lavori per l’impianto estrattivo di Tempa Rossa”.

La vicenda processuale, che sicuramente andrà avanti, dimostra chiaramente come votare il 17 aprile sarà importante: rimanere a casa significa dare una mano agli amici del compagno della ex-Ministra Guidi, oltre che rinunciare al più importante diritto-dovere che un cittadino ha. Chissà se Mariaele rimarrà a braccia conserte.

Commenta con il tuo account Facebook

About Davide Clementi

Nato nel 1996 a San Benedetto del Tronto lo stesso giorno del celebre movimento rivoluzionario cubano, dopo i 5 anni presso il Liceo Classico di San Benedetto del Tronto, mi iscrivo alla facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Macerata. Dal 2014 porto i miei pochi silenzi anche su Qualcosa di Sinistra.

Check Also

Il Manifesto del Partito Comunista, 170 anni dopo

Centosettant’anni fa veniva pubblicato a Londra il Manifesto del Partito Comunista, scritto a quattro mani …

9 comments

  1. E quando smantelleranno le piattaforme chi darà il lavoro alle migliaia di persone?

  2. Queste inchieste che cadono sempre a fagiolo…..!!!!

  3. X Carla Anna Prati: Disattivando le trivelle,potrebbero non “smantellare” le piattaforme,ampliando le basi e, con la installazione dei servizi “igienici”utilizzare le strutture come “balere” sul mare. Si continuerebbe la coltivazione delle “cozze”,anzi, aumentandone la produzione si darebbe lavoro alle maestranze che, volendo, potrebbero esercitare il mestiere di “pescatore”.Non sono fantasie le mie e fino a quando le convenzioni non cesseranno,esperti,tecnici e studiosi potrebbero,con interventi delle istituzioni, incominciare a valutarne le realizzazioni.Carla, suppongo che Lei appartenga allo schieramento del cambiamento o “”del pseudo cambiamento!!??”” Cordialmente. F.F.

  4. Ragazzi nei commenti eliminate la parola nobiltà ” compagno” è un oltraggio a noi nostalgici di SINISTRA

  5. Tutto giusto. Peccato però che il referendum del 17 c.m. riguarda le piattaforme estrattive in mare, entro le 12 miglia marine e non quelle sulla terraferma, come Tempa Rossa.

  6. Ma cosa speravano i Renziani dalla figlia di GUIDALBERTO GUIDI che restaurasse l’articolo 18?

  7. Tranquilli ci vado a votare ……..ovviamente NO !!!!

  8. Egidio io non ci penso neanche ti aspetto quella domenica al Sereno ti conviene fare una bella partita a tenis

Lascia un commento