Mediterraneo

Due tipi di navi partono dall’Africa verso il nord del mondo. Le navi dei negrieri fra il XVI e il XIX secolo e quelle degli scafisti del XX e XXI secolo. Due tipi di navi arrivano in Africa dal nord del mondo. Le navi dei colonizzatori e quelle piene di rifiuti che dell’Africa hanno fatto la discarica, in ogni senso, figurato e letterale, del nord del mondo.

Piangano i parlamentari, mostrino tutto il loro cordoglio e, per amor di contrasto, gioiscano pure le Santanchè. Ma i fatti sono ciò che sono: fatti, per natura semplici e cristallini. Ciò che l’Unione Europea sta facendo nel Mediterraneo è un abominio. Il nostro rapporto, storico e attuale, col Sud del mondo è un abominio.

Diciotto anni fa il biologo e fisiologo Jared Diamond scriveva uno dei saggi più rivoluzionari della storia della letteratura. Perché se c’è qualcosa di rivoluzionario da dire oggi è che nessun duro lavoro, nessuna meritocrazia è anche solo lontanamente potente quanto l’enorme botta di culo di essere nati nella parte giusta del mondo.

Sono in un certo modo meno interessato al peso e alle circonvoluzioni del cervello di Einstein che alla quasi certezza che persone di eguale talento hanno vissuto e sono morte nei campi di cotone e nelle fabbriche.

Scriveva il paleontologo Stephen J. Gould nel 1980. Mi indigna e mi rattrista il razzismo del post-ecatombe, e come non potrebbe. Ma ciò che realmente mi spaventa è l’idea assai più comune, e perciò infinitamente più dannosa, che in fondo essere poveri sia una colpa, una specie di deficit intellettivo e culturale, per cui se NOI non affondiamo nel Mediterraneo è perché il benessere di cui godiamo ce lo siamo guadagnato.

Ho imparato tante cose dal mio personale status di immigrata. Una fra tutte è che per quanto razzismo mi trovi ad affrontare, rimango una privilegiata. Sono bianca, sono europea, vengo da un Paese prevalentemente cattolico e che siede nel forum del G8. Sono nata sulle coste del Mediterraneo anch’io. Ma quelle giuste. E questa è l’unica ragione che riesco a trovare, logica e reale, per cui io sto scrivendo questo post e non sono un cadavere anonimo al largo della Libia.

Commenta con il tuo account Facebook

About Laura Bonaventura

"Non comanderò, né sarò comandato"

Check Also

Perché si deve morire a #Gaza?

Sangue. È il colore della terra nella striscia di Gaza, dove nascono fiori solo di …

Lascia un commento