#Netanyahu e la negazione della #Palestina

Benjamin Netanyahu ha vinto le elezioni israeliane per la quarta volta. E, certamente, fa quantomeno pensare che Bibi Neatanyahu è stato colui che ha ordinato l’inizio dell’operazione ‘Margine di Protezione’ nell’estate del 2014. Fa pensare che è stato colui che, in campagna elettorale, ha lanciato l’allarme contro gli arabi israeliani che andavano a votare in massa. Già, perché Israele è una democrazia. Ma si lancia l’allarme se a votare non vanno le persone giuste.

E non si è limitato solo a lanciarlo. Ha detto che era una situazione da ‘ordine 8’. Che nel linguaggio militare significa una situazione di emergenza massima, tale da chiamare i militari riservisti. Certo, non li ha chiamati davvero. Ma le parole sono importanti. Si chiama ‘educazione alla minorità’. Ed è una educazione che i Palestinesi ricevono ogni giorno.

Ogni giorno. Quando per andare a lavoro bisogna passare attraverso diversi checkpoint della polizia o dell’esercito israeliano. Quando per entrare in Israele è necessario avere un permesso speciale. Anche se devi andare in ospedale per una visita d’urgenza.

Ogni minuto. Quando ogni minuto è vita, senza acqua corrente. Quando l’acqua non arriva perché l’esercito israeliano ha distrutto le condutture.

Ogni secondo. Perché, come ha detto un ragazzo palestinese, ‘essere palestinese non è semplice’.

Quando senti il primo ministro israeliano dire che con lui non ci saranno mai due Stati. Salvo poi ritrattare, per non infastidire troppo gli Stati Uniti, con cui i rapporti non sono più quelli di una volta. Quando non sai dov’è casa tua. Quando la piazzetta dove da piccolo andavi a giocare con i tuoi amici, ora è occupata da insediamenti israeliani.

Tutto questo significa ‘educazione alla minorità’. Tutto questo significa non avere uno Stato. Ogni giorno. Ogni minuto. Ogni secondo.

Mi viene in mente Naji al-Ali, disegnatore palestinese, creatore di Handala. Handala è un bambino palestinese, simbolo della resistenza di un popolo. Naji al-Ali  ha sempre disegnato Handala di spalle. Handala si sarebbe girato solo una volta tornato in Palestina. Nello Stato di Palestina. Naji al-Ali è stato assassinato a Londra nel 1987. Non ha più potuto disegnare il suo bambino. Nell’ultimo disegno è ancora girato di spalle. Facciamo in modo che quando si giri, trovi la sua casa. Nello Stato libero di Palestina.

Commenta con il tuo account Facebook

About Antonino Roseto

Check Also

Migranti e Capitalismo

Questo articolo non cercherà di smontare la retorica che gira intorno all’immigrazione, che sia a …

Lascia un commento