La Ballata dell’Italia berlusconiana (e renziana)

Un uomo onesto, un uomo probo,
tralalalalla tralallalero
telefonò impunemente,
ad uno che non sapeva niente.

Gli disse: ‘La conosco io’,
tralalalalla tralallalero
gli disse: ‘La conosco io,
lei è la nipote di un amico mio’.

Lui fu processato e poi assolto,
tralalalalla tralallalero
e in un Paese che fa ‘crack’
lei è la nipote di Mubarak.

Non era lei, non era lei,
tralalalalla tralallalero
non gli bastava questo orrore,
volevano un’altra prova del nostro cieco amore.

Allora Matteo uscì e decise,
tralalalalla tralallalero
allora Matteo uscì e decise,
io vi farò una riforma al mese.

Da quella del lavoro lui partì,
tralalalalla tralallalero
tutti i diritti ripulì
riuscì dove la Destra invece fallì.

E disse Matteo ridendo forte,
tralalalalla tralallalero
e disse Matteo ridendo forte,
l’ultima vera prova saran le botte.

Mentre l’operaio scioperava
e rivendicava la dignità,
c’era uno che manganellava,
perché voleva togliergli la libertà.

Fuori soffiava dolce il vento,
tralalalalla tralallalero
e Matteo era lì contento,
perché il Paese reagiva lento.

Posson distrugger la Costituzione,
tralalalalla tralallalero
ma non toccategli il pallone,
perché allora la faran la Rivoluzione!

 

 

 

 

 

Commenta con il tuo account Facebook

Antonino Roseto

Lascia un Commento