Serenissime tangenti

Arrestati questa mattina il sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni (PD), con l’accusa di corruzione, concussione, riciclaggio, e l’assessore alle infrastrutture Renato Chisso (PdL). In tutto ci sono stati 35 arresti, inclusi gli imprenditori Morbiolo e Meneguzzo. Richiesto anche l’arresto di Giancarlo Galan, ex presidente della Regione, ma si dovrà attendere l’ok del Senato per procedere.

I clamorosi arresti della mattinata vengono dalla lunga inchiesta della Procura di Venezia sulle presunte tangenti pagate per gli appalti del Mose, la faraonica opera pubblica che dovrebbe evitare i frequenti allagamenti della città lagunare.

Più di un anno fa dell’aria che tirava intorno al Mose ne parlammo anche noi di Qualcosa di Sinistra.

E dunque: perché ci si gingilla, tuttora, con l’invio sul posto di comitati o comitatoni ministeriali? Non sartà soltanto perché passi dell’altro tempo, giusto il tempo necessario perché anche i bambini si rassegnino all’idea di una Venezia chiusa da ogni parte dentro un anello di superbe dighe cementizie, più o meno olandesi o longanoriane: di una Venezia in bagnarola?
(Giorgio Bassani, L’amministrazione dei beni culturali, 1969)

Commenta con il tuo account Facebook

About Laura Bonaventura

"Non comanderò, né sarò comandato"

Check Also

Qui sorgerà un centro commerciale (coi soldi della ricostruzione)

Come da copione. La ricostruzione che non ricostruisce ma spende soldi per progetti totalmente campati …

Lascia un commento