Forza St. Pauli!

Prendete un porto del nord Europa, un quartiere di lavoratori e di marinai, il punk, la contestazione sociale e un pallone: benvenuti al Millerntor-Stadion, la casa dell’FC St. Pauli, nell’omonimo quartiere di Amburgo. Nonostante la squadra vanti ben pochi trofei (attualmente milita in Zweite Liga, la serie B tedesca) è da anni un simbolo di militanza antifascista, conosciuta in tutta Europa per l’attivismo politico – rigorosamente di sinistra – dei suoi sostenitori. In Italia abbiamo avuto modo di toccare con mano la solidarietà del club in più occasioni: per i NO TAV, in ricordo di Dax e con un simpatico omaggio al nostro ex Presidente del Consiglio.

Tantissime anche le manifestazioni in Germania contro il razzismo e l’omofobia accompagnate dalle bandiere del St. Pauli: indossare una felpa o una sciarpa del club significa molto più che essere tifosi, vuol dire fare professione di militanza politica. Ma in più c’è quello che nello sport professionistico è un valore che si sta perdendo, ovvero il potere dall’aggregazione dato da una passione comune.

Non sorprende allora che la fama del club di Amburgo arrivi fino a Marghera*, località del comune di Venezia nota per le sue industrie e per essere stata teatro di moltissime lotte operaie nel corso di tutto il ‘900. Nel 2001 il quartiere ha visto infatti la nascita della band ska/patchanka Talco, che nell’album Mazel Tov del 2008 ha dedicato un brano proprio all’FC St. Pauli. Complice la fama che il gruppo si è conquistata negli anni in Germania (dove suona abitualmente live) la canzone, specialmente nella versione tedesca, è diventata praticamente l’inno dei tifosi.

A dispetto dell’immagine fredda e tirannica che si è guadagnata in Europa, soprattutto a seguito della crisi, la Germania è un Paese da sempre molto vivo a livello culturale e sociale (basti pensare ai Chaostage degli anni ’80-’90, che ispirarono un documentario del 2009 sul movimento punk), con numerosi festival e manifestazioni, in particolare a nord, nella ex DDR e nelle vecchie zone minerarie. Eppure ritrovarsi in un’anonima città sul Baltico e sentire i Talco suonare la loro versione di Bella Ciao con un pubblico, prevalentemente tedesco, che canta e balla è un’emozione che ho provato raramente, anche in Italia. E mi fa pensare che quell’Internazionalismo che per la Sinistra era un pilastro e che oggi è pubblicamente deriso da vecchi e nuovi patriottismi mascherati da progressismo, possa essere recuperato. Magari ai piedi di un palco o in un campo di calcio: e allora forza Sankt Pauli!

* A Marghera si sono formati anche Le Orme, band rock progressive molto apprezzata all’estero, e i Pitura Freska, gruppo reggae dialettale noto anche per una partecipazione al Festival di Sanremo nel 1997.

Commenta con il tuo account Facebook

Laura Bonaventura

"Non comanderò, né sarò comandato"

Lascia un Commento