blufi

L’Incompiuto Siciliano: breve storia di come enormi sprechi pubblici diventano cultura

In Italia abbiamo 46025 beni architettonici, 5668 beni immobili archeologici e 4739 musei (sono dati del Ministero).
L’Italia è la nazione che detiene il maggior numero di siti riconosciuti dall’UNESCO (49 in totale).
Non è meraviglioso?
Lo è in effetti.
L’Italia però è anche una nazione che detiene un consistente numero di opere incompiute: stadi, uffici, caserme, centri commerciali, scuole, dighe… cose progettate e parzialmente realizzate, ma mai completate. Denaro pubblico finito in un pozzo senza fondo. O no?
Dipende.
Claudia D’Aita, Enrico Sgarbi e il collettivo Alterazioni Video hanno deciso che quel pozzo un fondo lo poteva avere. Un fondo di cultura e memoria storica.

Attribuire all’ “incompiuto” un significato artistico e architettonico significa escogitare un altro modo di leggere questi luoghi, utile per una comprensione più ampia e problematizzata dei rapporti tra il territorio e coloro che lo abitano.

Le opere pubbliche incompiute sono un patrimonio artistico-culturale e in quanto tale divengono potenziali promotori di un’economica locale al pari di altri siti storici del nostro territorio. Una soluzione concreta alla sensazione di sconfitta a cui questi luoghi preludono.

Potete leggere molto di più sul loro sito e potete anche partecipare, segnalando edifici incompiuti che non sono ancora presenti nella mappa.
Questa operazione è un qualcosa di completamente diverso da ciò a cui ci ha abituato la tv berlusconiana col suo Gabibbo e la sua cittadinanza poco operosa e costantemente lamentosa. Le opere pubbliche incompiute raccontano una storia che dà fastidio, fatta di sotterfugi narrativi da imminenti elezioni politiche, compravendita di voti, mazzette, fondi che ci sono e poi spariscono per benaltrismo, burocrazia kafkiana, abusi edilizi… Sono mali italiani, è vero, ma sono storia recente che deve spingere l’opinione pubblica a riflettere su ciò che realmente vuole dalle amministrazioni locali e sulle reali necessità del Paese.
A vedere mappate tutte queste opere mi chiedo, come mi chiedeva ieri un’amica: e se quei soldi fossero stati almeno in parte spesi per alimentare un terreno diverso, quel terreno da cui escono i fondatori de l’Incompiuto Siciliano e quei tecnici e scienziati che quelle opere le avrebbero finite o destinate a qualcosa di diverso o ripensate già in fase progettuale?
Guardate a quelle opere quando andrete in giro per la penisola, ma non fermatevi al lamento. Pensate a ciò che è stato e che può essere se solo imparassimo la lezione storica e orientassimo anche le nostre scelte personali verso una rinascita culturale collettiva. Siate, in altre parole, dei radicali:
Essere radicali è considerare le cose dalla loro vera radice, provare a ricostruire azioni e idee partendo dai principi basilari.
Ci vuole tanta pazienza e tanto impegno, ci si scontrerà con una supponenza politica ben più preparata ad affrontare (e raggirare) gli umori degli elettori. Ma pare che a lungo andare ne valga la pena. Questa sì che sarebbe una bella storia da raccontare ai nostri nipoti.

Commenta con il tuo account Facebook

Laura Bonaventura

"Non comanderò, né sarò comandato"

Lascia un Commento