#Civati: “Vendicheremo Prodi e Rodotà”

Ci vendicheremo delle mancanze e della perdita di autorevolezza del partito, vendicheremo Stefano Rodotà e Romano Prodi, vendicheremo le timidezze di queste anni”. Come programma minimo potrebbe bastare. Ma ci sono anche, nell’ordine: dialogo con il Movimento 5 stelle, alleanza con Sel, durata il più possibile limitata del governo di Enrico Letta; e poi ambiente, lavoro, reddito minimo di cittadinanza, matrimoni gay, riduzione delle tasse sul lavoro e Imu per le classi più benestanti.

Civati, dunque, scende in campo (era anche ora, dopo i rinvii di questi anni). E da Reggio Emilia aggiunge un po’ di concretezza al dibattito politico, imperniato su piccioni, tacchini, giaguari e ora anche pitonesse. Riceve l’endorsement di Barca, o meglio, lui dice che quella dell’ex-socio di Renzi è un’ottima candidatura (io pensavo si candidasse anche l’ex-ministro, ma da quel che leggo sui giornali pare di no).

Continuo a pensare, in ogni caso, che cercare di resuscitare il PD con i contenuti proposti, anziché puntare ad un grande partito della Sinistra, sia un tantinello velleitario. Ma è comunque la mia opinione. Faccio semplicemente notare, comunque, che nemmeno nel partito democratico americano si fanno le primarie per scegliere l’equivalente del nostro segretario di partito (là hanno il presidente): le primarie sono istituzionalizzate e si svolgono solo per le cariche elettive.

Il PD decida: o fa una convention e quindi diventa un partito elettoralistico all’americana oppure faccia il suo congresso, come fanno tutti i partiti europei, e poi, nel caso, scelga con le “open primaries” (che piacciono tanto a Renzi) il candidato della coalizione. Qualora decida di non decidere e quindi continui a stare nel mezzo, forse Civati ha qualche chance di spuntarla. E sarebbe già qualcosa.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia – Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro “Casa per Casa, Strada per Strada”. Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

1 Commento

  1. A me che vendichi Rodotà interessa ben poco , quella che conta è la sostanza cioè i problemi del paese e dei cittadini. Di Prodi meglio non parlare perchè se si ritiene questa persona un degno rappresentate del paese direi che il sig. Civati vorrebbe rappresentare qualcosa di nuovo , ma il legame è ben stretto con il passato e con questa Europa che ci stà strangolando tutti.

Lascia un Commento