roma colosseo

#Elezioni, ha vinto l’astensione

Sono fantastici. C’è un picco d’astensione in tutta Italia, con il record negativo di Roma, dove un elettore su due non si è recato al voto, e loro festeggiano. Mi sembrano tutti Bersani che faceva il segno della vittoria dopo la fiducia a Letta e la rielezione di Napolitano: fuori dalla realtà.

Il Paese è stanco, sfiduciato, demotivato e loro pensano solo in termini di quante poltrone riusciranno ad ottenere a questa tornata elettorale. “Grandissima affermazione del PD“, ti biascicano senza nemmeno troppa convinzione gli uomini di apparato che hanno fatto cadere un macigno su qualsiasi ipotesi di cambiamento in questo Paese. Fenomenali poi quelli che, commentando il tracollo di Grillo, affermano, da grandi strateghi di battaglia navale, che “il voto premia il governo di larghe intese“.

Premia il governo di larghe intese? Semmai punisce Grillo, per come si è comportato subito dopo il voto (a nulla gli è valso provare a intestarsi il merito della candidatura di Rodotà, già candidato da altri cittadini ben prima che si svegliasse lui, a partire dalla nostra petizione con 60mila firme), e denota semmai la mancanza di una valida alternativa al sistema che ci ha trascinato oggi al disastro, altrimenti questa forte astensione non si spiegherebbe.

Loro si arrovellano su arrapanti dibattiti sui partiti liquidi e solidi (che nel frattempo stanno evaporando), mentre il Paese lentamente muore nella corruzione, nella disoccupazione, nella crisi economica e sociale. E festeggiano. Ok, facciamo così: la neuro la chiamate voi?

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Lascia un Commento