Due Medici per curare Roma

Mancano  oramai pochi giorni alle elezioni nella capitale. Domenica 26 e lunedì 27 maggio i cittadini romani saranno chiamati alle urne per rinnovare il Consiglio comunale ed i municipi territoriali, e soprattutto per decidere quale sarà il loro nuovo(?) sindaco. I favoriti in corsa sono l’attuale sindaco Gianni Alemanno, il candidato del centro-sinistra Ignazio Marino, il grillino De Vito ed il costruttore Alfio Marchini, sostenuto da due liste civiche.

Tuttavia tutti coloro che concorrono alla carica di primo cittadino sono 19, e a questi sono collegate in tutto 40 liste. Una vittoria netta al primo turno è poco probabile ( servono il 50 % più uno dei voti). Sarà quasi sicuramente al secondo turno che si saprà chi guiderà da 5 anni a questa parte la città più importante del nostro paese.

C’è enorme tensione in questi giorni, soprattutto tra i due favoriti Alemanno e Marino. Il sindaco uscente, dato per spacciato solo pochi mesi fa, è dato a pari merito nei sondaggi nei confronti del suo principale avversario.

La sinistra deve tornare a Roma. E deve tornare per renderla una città più giusta e meno povera, una città più civile e più sicura. Dopo i disastrosi anni della gestione Alemanno – caratterizzati da una giunta entrata più volte in crisi a causa degli avvisi di garanzia, dall’aumento della criminalità organizzata, degli attacchi a stampo omofobo e razzista e dalla pressione insostenibile del debito-  è giunta l’ora di cambiare pagina.

Il programma di Ignazio Marino e del centrosinistra, “Roma è vita”, è degno di nota.  L’obbiettivo è quello di far diventare Roma una città pienamente Europea. Si toccano i punti più svariati, come quello sui trasporti, dove si prevedono nuove linee di bus e di metro, l’abbassamento degli abbonamenti per gli studenti e gli anziani, e più in generale una mobilità sostenibile. Ma non solo: si parla anche di trasparenza (al primo punto del programma), di rifiuti (50 % di raccolta differenziata entro il 2014), di diritti (con particolare attenzione per le donne), di crescita (valorizzazione delle attività artistiche, agricole, e artigianali, e promozione dell’occupazione giovanile), di cultura, e di molto altro ancora.

Oscurato completamente dai media mainstream è stato il candidato di Repubblica Romana, Sandro Medici, già presidente del X municipio da 12 anni, sceso in campo con un programma di sinistra. A favore di Medici, oltre a Repubblica Romana, si sono schierate anche le liste: Liberare Roma, Partito Pirata e Sinistra per Roma. Il modello a cui guarda la coalizione è quello del governo  territoriale partecipato, già sperimentato nel municipio X, un modello, per dirla con le parole del candidato sindaco “di sinistra indipendente e alternativo … che da tempo raccoglie soggettività e intelligenze, esperienze civiche e movimenti sociali, donne e uomini appassionati e generosi. Questo modello si chiama Repubblica Romana. Può essere l’ambito politico e culturale che accoglie la sinistra, le sinistre e forse molto altro ancora» .

Buona parte dei punti  che si leggono nel programma, di ispirazione laica, ecologista, e progressista, sono politiche riconducibili a quel modello di “partecipazione territoriale” di cui ho già parlato: requisizione di case sfitte per darle a famiglie sfrattate, nuove forme di welfare ed autotutela, istituzione di un registro di unioni civili e raccolta di testamenti biologici.

Oltre ai punti già citati, sono di particolare rilevanza nel programma: la rottura del patto di stabilità, il congelamento del debito di Roma e la ri-pubblicizzazione dell’acqua. Degni di interesse sono anche le questioni relative alla piena cittadinanza, alla lotta contro la precarietà, al diritto all’abitare e alla gratuità del sistema di trasporto pubblico.

Il programma è stato il frutto di un intenso lavoro proveniente dal basso, frutto di assemblee e tavoli pubblici di discussione, a cui hanno partecipato movimenti sociali, associazioni e cittadini impegnati nel territorio. Non è quindi solamente diretto a persone oneste e della “società civile”, ma ha coinvolto la cittadinanza in prima persona, favorendo un dibattito orizzontale e aperto.

La scelta del nome Repubblica Romana è significativa. Esso indica che, anche oggi come allora, quando fu occupato lo stato Vaticano nel 1848, Roma dovrebbe battersi contro interessi particolari e clientelismo, favorire la lotta contro la povertà, e affermare l’interesse pubblico contro quello privato.

A sostegno del presidente del  X municipio si sono schierate, oltre a precari,studenti, agricoltori e professori universitari anche alcune personalità del mondo della musica e dello spettacolo, come gli attori Elio Germano, Valentina Carnelutti e Valerio Mastandrea o le band musicali Afterhours, Assalti Frontali e Luci della Centrale Elettrica.

Una sola cosa è sicura: che a Roma c’è bisogno di sinistra!

About Giacomo Pellini

Check Also

Beppe Sala Paolo Borsellino

Promemoria per Beppe Sala su Paolo Borsellino

Il sindaco di Milano ha nominato ai vertici di A2A Renato Mazzoncini, rinviato a giudizio per truffa, in violazione ai principi della Carta di Avviso Pubblico a cui aveva aderito.

Lascia un commento