#Prodi fa flop, in 55mila per #Rodotà

di Pierpaolo Farina

Nemmeno il quorum a 504 voti ha permesso a Bersani di salvare la faccia, sempre che fosse possibile dopo il suicidio annunciato con la candidatura di Franco Marini, in prima e seconda votazione.

Romano Prodi, infatti, candidato stamattina dall’assemblea dei grandi elettori PD teoricamente all’unanimità, si è perso per strada ben 100 voti, fermandosi a quota 395. SEL assicura di aver votato per il professore, ma i consensi per Stefano Rodotà salgono a quota 213 (ufficialmente poteva contare solo su 163 voti, quelli dei grillini).

Il M5S fa sapere che se domani il centrosinistra voterà per Stefano Rodotà alla presidenza della Repubblica, il governo di cambiamento tanto auspicato da Bersani (ma per ovvie ragioni senza il segretario PD alla guida dell’esecutivo) partirà.

Intanto, segnalo che in 48 ore il nostro appello a Bersani per votare Rodotà è salito a quota 55mila firme. Sul web è la petizione con più alto numero di firme e non siamo nemmeno una grande testata giornalistica, ma un semplice blog. Il che significa che i consensi per Rodotà tra la gente comune sono STRAORDINARI.

Che aspetta dunque Bersani? Vuole continuare a rimanere ostaggio dei suoi franchi tiratori? Oppure votare Rodotà e far partire un governo che cambi la legge elettorale e faccia quella sul conflitto di interessi?

Chissà… spero però siano proprio bufale le notizie che circolano circa una convergenza tra PDL e PD su Massimo D’Alema. Perché se con Marini hanno occupato le sezioni e bruciato le tessere… non oso immaginare cosa faranno con D’Alema…

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia – Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro “Casa per Casa, Strada per Strada”. Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Lascia un Commento