Rossano Ercolini, Grillo e l’agonia dei Verdi

Lunedì 15 aprile Rossano Ercolini è stato il primo italiano a vincere il premio Goldman, il cosiddetto Nobel per l’ecologia. Ercolini è un ex maestro elementare, oggi presidente di Zero Waste Europe. Il suo lungo cammino è iniziato negli anni ’70, quando si oppose alla costruzione di un inceneritore vicino alla scuola dove insegnava ed è continuato anche in politica, nelle liste dei Verdi, prima nel comune di Capannori e poi per un breve periodo anche in Regione.

Già, i Verdi. Proprio quel partito che in nordeuropa viaggia comodamente a doppia cifra a tutte le elezioni (nazionali ed europee) e che è entrato, nel 2010, per la prima volta anche alla Camera dei Comuni britannica.

E se proviamo a ragionare solo di numeri e non di storie politiche, a doppia cifra in Italia c’è il MoVimento 5 Stelle, cinque stelle che al di là di ogni critica, svolta autoritaria e dabbenaggine di alcuni suoi attivisti vogliono ancora dire Acqua, Ambiente, Trasporti, Connettività e Sviluppo. In Germania i seggi assegnati ai Verdi possono decidere la coalizione di governo e l’intero andamento di una legislatura. In Italia che a noi (o a loro) piaccia o no questo ruolo tocca al partito di Grillo.

Questione di numeri. Il grosso del movimento ecologista italiano oggi non è lacerato fra Bonelli e De Petris. So che darò fastidio ai fedelissimi grillini, ma se i pentastelluti sono il principale riferimento per gli ambientalisti non è perché Grillo racconta del fotovoltaico svizzero come fosse andato su un altro pianeta o perché si scagliò contro l’inesistente fragola-pesce. Il suo merito (o la sua furbizia, secondo i punti di vista) è stato quello di affiancare movimenti spontanei preesistenti, ma non sufficientemente agglutinati fra loro. Parlo di No-Tav, di Acqua Pubblica e anche di Rifiuti Zero.

I Verdi, abbracciando logiche partitiche e correntizie, hanno lasciato un vuoto laddove serviva un mezzo di coesione, una struttura in grado di comprendere i punti di aggregazione nel panorama eterogeneo dei movimenti dal basso, i quali, per il loro naturale orientamento verso la risoluzione immediata dei problemi locali, faticano a riconoscersi e coalizzarsi.

Il suicidio volontario di un partito verde comporta l’anarchia del pensiero e dell’azione ambientalista nazionale: Grillo ha amplificato (o ha cavalcato, sempre secondo i punti di vista) tutto ciò che l’ambientalismo ha espresso negli ultimi anni, ne ha fatto un collage, l’ha arricchito con la retorica della casta e le urne gli hanno dato ragione. La corrente mediatica grossa è quella delle battaglie civiche, e queste, per uno strano gioco di specchi, legittimano tutto quell’humus di complottismo paranoico di cui è imbevuta la società, humus che non crea sostanza ma fa numero. Se oggi vuoi parlare di risorse rinnovabili lo devi fare sul blog di Grillo e accettare che il tuo contributo sia livellato sulla biowashball: uno vale uno, è il prezzo da pagare per essere ascoltati. Un prezzo forse troppo oneroso per poter davvero rivoluzionare il nostro modello di sviluppo.

Quello di cui sento la mancanza è la voglia di ricostruire un partito che metta l’ambiente come sua priorità, che sviluppi metodi di cooperazione fra la politica, i comuni cittadini, l’industria e la ricerca scientifica, che si faccia portavoce e organizzatore della lotta (come fu ai tempi del nucleare) laddove ce n’è bisogno, non mettendoci il cappello a cose fatte. Vorrei un partito in cui si possa discutere di eolico, di rifiuti zero, di riserve naturali, di prevenzione delle catastrofi, senza la necessità di pubblicizzare i libri di Giuliani o sventolare lo spauracchio del pomodoro killer per non dover affrontare criticamente la questione OGM. Vorrei che si ripartisse dallo spirito e dai contenuti di testi rivoluzionari come Primavera Silenziosa, dai pericoli per la salute dei lavoratori, dalla lotta all’ecomafia.

Vorrei un partito e non ce l’ho. Non ci si può accontentare di un posticino al sole nel parco del grillopensiero o di fare da spalla a Vendola.

Commenta con il tuo account Facebook

About Laura Bonaventura

"Non comanderò, né sarò comandato"

Check Also

Canto di Natale operaio

Era il 1843 quando Charles Dickens scriveva il Canto di Natale. Da allora milioni di …

2 comments

  1. non ho letto i link di rimando (e alcune cose linkate non le conosco) però l’art è interessante

  2. Bisognerebbe conoscere queste persone che si impegnano per noi, per l’ambiente e ringraziarle tantissimo

Lascia un commento