Sei socialista? In Turchia 21 anni di carcere

Nei giorni in cui il socialista Hollande annuncia che la Francia entrerà in guerra contro il Mali (alla faccia del pacifismo sbandierato in campagna elettorale), una sua con-cittadina ed elettrice in Turchia rischia una condanna a 21 anni di carcere.

Lei si chiama Sevil Sevimli, anni 21, arrivata da Lione a Eskisehir, nel nord della Turchia, per un progetto Erasmus all’università di Anadolu. Il 10 maggio è stata arrestata per aver partecipato alla manifestazione del 1° maggio con un cartello “vogliamo l’istruzione per tutti” e per aver partecipato subito dopo ad un concerto di una band di estrema sinistra, i Grup Yorum.

L’accusa è di “appartenere a una organizzazione terroristica” e di aver “diffuso propaganda” per il Fronte Rivoluzionario di Liberazione del popolo (Dhkp-c). Con lei sono processati quattro studenti turchi: Burcu Akın, Ceren Cevahir, Kezban Yıldırım and Seren Özçelik.

Di fronte alla corte turca di Bursa, che ha confermato il divieto di abbandonare il paese, Sevil ha rivendicato di essere “di sinistra e socialista, di difendere la democrazia e l’uguaglianza” e ha dichiarato che i veri terroristi “sono quelli che sfruttano la gente“.

In favore della ragazza, in libertà condizionata dopo avere trascorso tre mesi in carcere, è in corso in Francia una forte mobilitazione, con politici, studenti e giornalisti. 

E Hollande? Forse si è dimenticato cosa significa la parola socialista e la sua connotazione fortemente anti-imperialista e pacifista. Buona guerra, Mensieur President.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

40 commenti

  1. Naturalmente il premier e’ un caro amico di Silvio

  2. Fabio Bersi attraverso Facebook

    Secondo me c’è dell’altro…non bisogna subito gridare a “mamma li turchi”…esiste il partito socialdemocratico dell’ex premier Ecevit, e poi un partito molto estremo ma che è pienamente riconosciuto…ecco il link: http://it.m.wikipedia.org/wiki/Partito_dei_Lavoratori_(Turchia)

  3. Salvatore Rizzi attraverso Facebook

    In questo ambito si vede che il capitalismo, nicchia!!!!!!!!!!!!!!!

  4. anche in italia ti fanno passare x terrorista se vuoi una vita dignitosa e ti fai pure il carcere se non accetti di vivere e morire di stenti……………

  5. Ma allora, perchè non la ammettiamo subito in Europa ????????????????

  6. …la Francia non è pacifista…ma, sarà forse così ma ho i miei dubbi…noi italiani che abbiamo esportato la mafia, il fascismo e la corruzione in tutto il Mondo ci riteniamo forse più pacifisti degli altri?? Mi dispiace dire questo ma siamo tutti MOLTO CONFUSI e tutte le persone che ragionano e appartangono ai popoli: italiano,francese,tedesco,ecc. sono contro ogni forma di violenza ma bisogna stare ai patti della diplomazia non solo Europea e farsi fregare il meno possibile dagli USA, bisogna essere civili democratici e maledettamente LIBERI e PENSANTI, proprio come quella ragazza che adesso è lì, in Turchia in carcere che ha difeso le SUE idee e quelle di milioni di GIOVANI di questo Mondo che vuole girare al contrario. NON ROVINIAMOCI, ciao.

  7. I Kurdi che parlano la loro lingua rischiano il carcere!

  8. Sei Berlusconi? Tutte leggi ad personam e neppure un giorno di galera! Siamo peggio della Turchia!

  9. Mandiamoci i craxiani, che ancora sopravvivono in giro per l’Italia!! :)

Lascia un Commento