Il #Giornale di #Berlusconi: “Noi Votiamo #Renzi”

Il PD ha un senso solo se vince Renzi. Parola di Giuseppe De Bellis, editorialista de Il Giornale diretto da Alessandro Sallusti e di proprietà della famiglia Berlusconi.

Perché stavolta non sono tutti uguali. Noi, domani, stiamo con Renzi. Scegliamo lui contro Bersani, Vendola, Puppato e Tabacci. Sceglia­mo qualcosa che non c’era e che ades­so c’è: un personaggio in grado di scar­dinare vecchie ruggini e vecchie sco­rie.

Il che, come dire, è una conferma anche dei timori di chi, a ragione, prevedeva elettori di centrodestra in massa alle primarie del centrosinistra per incoronare Renzi (cosa che, a detta di Denis Verdini, accadde già 3 anni fa a Firenze).

Ma la ragione per cui si dovrebbe scegliere Renzi, non importa che tu sia di destra o di sinistra (come direbbero i grillini, sono parole senza senso) è che

è il primo ve­ro leader totalmente post-comunista, è l’unico a indicare al Pd la strada della socialdemocrazia liberale che in Euro­pa e negli Stati Uniti c’è da sempre e che da noi non c’è mai stata. Noi vor­remmo che vincesse lui, domani. Per­ché Renzi garantisce la possibilità di avere un dialogo vero, nuovo, reale. Parla di temi, non di inchieste giudizia­rie. Parla di prospettive, non rinfaccia il berlusconismo. È avanti e non per ragioni anagrafiche.

Posto che basterebbe sfogliare un buon libro di scienza politica per sapere che i sistemi di welfare o sono liberali (come negli Stati Uniti d’America, dove non se la passano troppo bene) o sono socialdemocratici (si veda Norvegia, Svezia & Co.) o sono “familiari” (come il nostro, nel senso che se non fosse per le famiglie, non avremmo un welfare state), che Matteo Renzi sia post-comunista è pure falso: è stato, è e sempre sarà un fiero democristiano di destra, quella del “preambolo” per intenderci.

Non post, ma anti-comunista. (Sarà infatti un caso che è da settembre che si rifiuta di rendere noto cosa ne pensa a proposito di Piazza Berlinguer a Firenze.)

Esattamente come i Craxi, gli Andreotti, i Forlani nella Prima Repubblica, come Berlusconi e Casini nella Seconda. Nella Terza ci sarà Renzi. Con il voto della Destra. Non con il mio.

P.S. Domani, 25 novembre, non andrò a votare alle primarie. A differenza di altre persone che hanno lasciato il blog perché volevano schierarlo su questo o quel candidato per strumentalizzare il nome di Enrico Berlinguer, il sottoscritto di ghiotte offerte ne ha ricevute, ma ha risposto: “Domine, non sum dignus“.

About Pierpaolo Farina

Sono nato nel 1989 a Milano, dove vivo. A vent'anni ho fondato enricoberlinguer.it e a 21 Qualcosa di Sinistra. A 23, dopo la laurea triennale, WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie. Oltre a scrivere e fotografare con Sophie, la mia fedele Canon 6D, mi occupo di comunicazione politica e digitale. Nel 2014 ho pubblicato "Casa per Casa, Strada per Strada", il libro più venduto su Enrico Berlinguer. Sono dottorando in Studi sulla Criminalità Organizzata presso l'Università Statale di Milano.

Check Also

ha vinto Gelli non il popolo

Ha vinto Licio Gelli, non il popolo

Era il 3 novembre 2008, una vita fa, quando nella video-rubrica tenuta da Marco Travaglio …

Lascia un commento