Video choc, gli attivisti del Valle pestati a Roma

 Mercoledì 14 novembre, mentre la polizia aveva messo in piedi una vera e propria caccia all’uomo, quattro attivisti del Teatro Valle occupato e uno del Cinema Palazzo, tre ragazze e due ragazzi si incamminano per i vicoli dell’antico ghetto ebraico per tornare a casa dopo la manifestazione. “Non avevamo né zaini, né caschi, né niente. Stavamo solo camminando”, come raccontano al Fatto. Ciò nonostante, l’inferno ha inizio in piazza delle Cinque Scole, quando incrociano due uomini che iniziano a seguirli.

Quando uno dei ragazzi accende la telecamera, pensando fossero poliziotti in borghese e per tutelarsi da un eventuale abuso di polizia, uno dei due uomini si gli si scaglia addosso, prendendolo per il collo e immobilizzandolo sul cofano di un’auto parcheggiata. Si avvicinano anche altri uomini che si presentano come poliziotti e, anziché soccorrere il giovane, minacciano i suoi amici.

Il giovane con la telecamera riesce però ad avviare lo stesso la registrazione e il resto lo vedete nel video. Benché alla fine la folla attorno ai ragazzi sia composta da più di una trentina di persone, tutto finisce solo quando una donna anziana in macchina vede la scena e si mette ad urlare.

La domanda è: chi erano? Poliziotti davvero o altro, come immaginano gli inquirenti (membri della Lega di difesa Ebraica, organizzazione di estrema destra, la cui omonima americana nel 2001 è stata inserita nella lista dei gruppi terroristici dall’FBI?). In ogni caso, visto anche quello che succede a Gaza, direi che hanno ben poco da imparare dall’estrema destra gli ebrei, dopo 60 anni di esperienza sul campo.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Lascia un Commento