Cara Cristina, questa legge è offensiva

Una volta per tutti è la campagna che promuove la legge di iniziativa popolare che si propone di introdurre in Italia le unioni civili per le coppie omosessuali.

La segretaria di ArciLesbica, Cristina Gramolini si augura che la campagna abbia successo… Io no. A differenza sua non penso assolutamente che questo porterà “la base dei partiti a mobilitarsi per i diritti LGBT”, sarà invece l’entrata di un vicolo cieco e, una volta avuto il contentino, di diritti degli omosessuali non si parlerà più per l’eternità. Come si fa a dire che “è segno che non è stato inutile l’impegno intenso di tante persone e di tanti anni nel movimento LGBT“? Sarebbe questo il risultato di una trentina d’anni di attività? Arcigay e ArciLesbica poi non si parlano e non si leggono, perché dicono due cose diverse.

Tolta la politica, che la appoggia o la ostacola solo per i voti in vista delle elezioni (vi ricordate le meravigliose tempistiche dei PACS, dei DiCo e dei DiDoRe di Brunetta?), la campagna promuove una legge offensiva e ghettizzante.

Non sono un’idealista, ma nemmeno stupida: ho già parlato  di Gay Pride meno appariscenti e di unioni civili qui, creando una sana e spero costruttiva polemica, ma un conto è studiare la situazione politica e sociale italiana e fare delle proposte “opportunistiche”, un conto è prendersi in giro e far passare per una gran bella pensata l’idea di creare un istituto ad uso esclusivo di una categoria di persone.

Non è necessario costruire ad arte una cosa in più quando se ne può estendere una che c’è già, il matrimonio: basterebbe una superficiale lettura del CC fatta sostituendo a “marito” e “moglie” la parola “coniuge”. Non credo sarà così automatico, lo ammetto: se mai si dovesse ottenere il diritto a sposare una persona dello stesso sesso ci si arriverà per gradi, per questo i PACS sono da fare subito, uguali per tutti.

Quello che mi fa ridere è che la proposta, se diventasse realtà, sarebbe una scopiazzatura del Civil Partnership Act britannico… e vuoi mettere? Perché prendere spunto da Spagna e Olanda, che hanno le leggi migliori, quando puoi dire di aver fatto la stessa cosa dei sudditi di Sua Maestà, che hanno invece la legislazione peggiore sulle unioni omosessuali?

Il Paradiso è dove i poliziotti sono Britannici,
i cuochi Italiani,
i meccanici Tedeschi,
gli amanti Francesi,
ed è tutto organizzato dagli Svizzeri.

L’Inferno è dove i poliziotti sono Tedeschi,
i cuochi Britannici,
i meccanici Francesi,
gli amanti Svizzeri,
ed è tutto organizzato dagli Italiani.

Commenta con il tuo account Facebook

Laura Bonaventura

"Non comanderò, né sarò comandato"

Lascia un Commento