matteo renzi

Il piano segreto di Berlusconi: lista civica per Renzi premier

Dunque, stando al documento riservato che l’Espresso ha pubblicato, il nuovo gruppo di consiglieri scelti dal Cavaliere ha messo a punto una nuova strategia: fare piazza pulita del PDL e dei suoi attuali dirigenti e promuovere una lista civica nazionale. Fin qui, nulla di nuovo. La novità è un’altra: la lista civica sosterrà Matteo Renzi a Palazzo Chigi.

Fantapolitica? Per nulla. Del resto, già dal 2010 erano note le gitarelle ad Arcore del sindaco di Firenze, che Verdini sibilava nel 2009 aver vinto alle primarie “grazie ai nostri voti“. L’Italia, dunque, come Firenze.

 Quello già ribattezzato “Piano di Rinascita Berlusconiana” non si ferma però qui: imitando Beppe Grillo, Berlusconi punta a un movimento leggero, solo nazionale, senza apparati regionali, costi bassissimi, senza finanziamento pubblico e, svolta epocale per Sua Emittenza, con la Rete al posto della tv. Un network che mette insieme lo spirito vincente di Forza Italia ’94 e la lezione di 5 Stelle. Organizzazioni di genere: «Forza Donne. Forza Imprenditori. Forza Giovani». E poi studenti, pensionati, pubblici dipendenti. Tutti raggruppati in un movimento nazionale, le cui ipotesi di nome sono Forza Silvio oppure Forza Italiani.

Una lista del genere, si calcola, potrebbe valere con quel che resta del Pdl il 28-30 per cento dei voti. Cui andrebbero aggiunti i consensi raccolti dal bouquet di liste fiancheggiatrici già pronto. Si va dalla Destra di Storace alla lista Sgarbi (“Rivoluzione”) ai pensionati alle new entries.

 Qualcuno lo dava per bollito? Per nulla. E per salvarsi dai giudici, Berlusconi punta al Quirinale. E Renzi cosa dirà in proposito?

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Lascia un Commento