piazza enrico berlinguer

Pisapia non è Don Abbondio

Leggo che Bobo Craxi ha accusato Giuliano Pisapia di essere un Don Abbondio. La sua colpa? Aver intitolato una Piazza ad Enrico Berlinguer. Dopo la figlia Stefania e il cognato Pillitteri, anche Bobo va alla carica contro il Sindaco, che il 1° giugno festeggerà un anno di mandato (tra alti e bassi, per carità, ma sicuramente migliore di un eventuale anno supplementare della Moratti).

Stamattina su facebook avevo proposto una pernacchia collettiva a Pillitteri (e in 15 minuti ne sono piovute oltre 1200). Direi che si può fare una sonora pernacchia anche al figlio di Craxi.

E nel caso non l’abbiate capito: una via a Craxi no, perché è stato condannato per corruzione. Dovrebbero fare una legge al riguardo. Anzi, darò il mio voto a chi si impegnerà a far approvare una legge del genere. Su queste cose non si scherza.

E lasciatemi dire: Pisapia ha avuto molto coraggio ad intitolare una Piazza ad Enrico Berlinguer nella ex-capitale del craxian-berlusconismo. Se voleva dormir sereno, gli sarebbe bastato intitolare una Piazza a Craxi e basta.

Non l’ha fatto. E per fortuna non lo farà mai.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Lascia un Commento