berlinguerbenigni

Venerdì a Milano. Per Enrico.

Siamo alle battute finali. Venerdì 25 maggio a Milano verrà inaugurata Piazza Enrico Berlinguer, in occasione del 90° anniversario della nascita, anche e soprattutto grazie alla nostra petizione che ha raccolto quasi 4mila firme a Milano e oltre 10mila in tutta la Lombardia. E noi di enricoberlinguer.it lo ricorderemo al Liceo Classico G. Parini di Milano, alle H 20:30.

C’è chi ci criticò in principio per via del luogo: c’era chi evocava la Camera del Lavoro, chi un teatro… sarà che sono del segno del Capricorno, e quindi sono più cocciuto di un mulo e più duro dell’acciaio, ma non mi sono piegato a chi, per calcoli politici di bassa lega, voleva trasformare il 90° di Enrico in una vetrina o in una parata per artisti falliti in cerca di pubblicità. E ho avuto ragione: dopo le tre bombe di Brindisi, un evento per ricordare Enrico in una scuola ha un valore aggiunto, perché dimostra che si può ancora fare cultura nelle scuole e che gli studenti ci sono e reagiscono.

E infatti, a riportare Enrico tra noi, leggendone i discorsi, oltre all’ottimo Andrea Cereda, attore, ci saranno anche Marco Montella, Camilla Violante, Silvia Volpe, Alesia Preite, Sara Ottolenghi, tutti e cinque rigorosamente studenti pariniani.

In questi tre mesi abbiamo pensato in grande e abbiamo chiesto a tutti quelli che a voce, per farsi belli, si sono riempiti la bocca per anni delle parole di Enrico: molti non ci hanno proprio risposto (poi dicono che i giovani sono degli scansafatiche), altri non potevano, altri ancora non volevano, qualcuno ci ha chiesto quanto gli davamo per la serata (notare, a chiunque non fosse di Milano avevamo assicurato il rimborso spese, ma addirittura il cachet come fossimo Rai o Mediaset…)

Chi non poteva ci ha permesso di riprenderlo in video (e il suo contributo verrà trasmesso durante la serata): stiamo parlando di Mario Benedetti (il meccanico di Enrico), Alberto Menichelli (il suo autista), Beppe Vacca (il Presidente della Fondazione Gramsci) e Achille Occhetto (ok, a molti non piacerà, ma per la FGCI o chiedevamo al duo Veltroni/D’Alema o chiedevamo a lui…).

Di persona ci saranno due galantuomini: con uno ho il privilegio e l’onore di scrivere la mia tesi di laurea, Nando Dalla Chiesa, l’altro è semplicemente il portavoce delle persone perbene nel Consiglio Comunale, ovverosia il Presidente Basilio Rizzo. Ad introdurre ci sarà Paolo Aziani, professore di storia e di filosofia al Parini. Ci sarà anche un mio intervento (forzato, avrei ceduto il posto volentieri ad altri, se fossero stati disponibili, visto che mi volevo occupare della sola regia… ma mi toccherà fare da regista/relatore).

Lunedì il sottoscritto, grazie alla grandiosa Cristina Simonini, farà un ultimo tentativo con Umberto Eco e Michele Serra. Pregate per noi (e per me, che oltre alla tesi ho mia sorella ricoverata in ospedale e si è fuso l’hard disk su cui avevo già preparato tutti i video della serata… per fortuna mi sta dando una mano l’ottimo Dario Parazzoli, nostro blogger e membro di Qui Milano Libera).

Insomma, tra mille difficoltà venerdì noi ci saremo. E faremo di tutto per permettere a centinaia di studenti di conoscere la figura politica di Enrico Berlinguer. Per questo siamo nati, per questo lottiamo tutti i giorni.

E per questo lotteremo fino alla fine dei nostri giorni. Contro le ingiustizie, contro i corrotti e i prepotenti, contro i mafiosi e chi fa strage di innocenti. Per Enrico, per Esempio.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Lascia un Commento