bersani-vendola-di-pietro-a-vasto

Buone e cattive notizie

Bando ai sofismi, queste amministrative sono state una svolta ancora più importante di quelle dell’anno scorso. Scompare il PDL nelle principali città, la Lega vince solo a Verona, il centrosinistra tiene nel suo insieme, ma la vera novità, sarebbe da stupidi negarlo, sono i 5 stelle, che addirittura a Parma andranno al ballottaggio.

A furia di sottovalutare la Questione Morale, che è esplosa dramamticamente in tutta la sua forza nell’ultimo anno, il sistema partitico ha subito un colpo durissimo. E dire che sarebbe bastato un po’ di rinnovamento, liste pulite, candidati con curricula invidiabili e qualche segnale su casta, sprechi et similia.

Mani Pulite a questa classe dirigente non ha proprio insegnato nulla: Bossi fu figlio dell’indignazione contro i partiti di governo che avevano sfasciato le finanze pubbliche, esattamente come Grillo è figlio della medesima indignazione, aggravata dal malcontento per una crisi economica che ha acuito quella politica e sociale.

Detto ciò, ora la sfida dei 5 Stelle è dimostrare di essere davvero diversi come si sono proclamati a lungo (visto il background, dipenderà molto dai singoli candidati che dal movimento in sé, epurazioni di Grillo a parte). Così come la sfida della Sinistra è tornare nuovamente unita.

E’ ancora presto per fare un’analisi seria sui flussi elettorali (quindi vedere da dove arrivano i voti dei grillini, anche se è facile immaginare vengano soprattutto dalla Lega e dall’astensionismo), quello che è certo è che la foto di Vasto da sola non funziona; SEL non convince e rimane praticamente ferma ovunque tra il 3 e il 5%. Vendola dovrebbe prendere atto che non si condiziona il PD con queste percentuali e aprire il cantiere per una Sinistra unita (insomma, ricominci a parlare con Diliberto, Ferrero etc. per favore).

Non basta rifarsi però la carrozzeria con un simbolo nuovo e un nome orecchiabile da sostenere con un po’ di marketing: servono i contenuti dell’alternativa. Altrimenti l’anno prossimo tornerà a vincere l’ennesimo Uomo della Provvidenza. Soprattutto, servono anche le persone. Disse Vittorio Foa di Enrico Berlinguer che:

“L’immagine (che era poi la realtà) dell’uomo era ed è in violento contrasto con l’immagine consueta dell’uomo politico. Umanità, franchezza, modestia e discrezione – pure in un incarico di così grande autorità e di effettivo potere – sono connotati che fanno a pugni con le immagini ricorrenti di arroganza, astuzia, presunzione e ostentazione del potere a cui siamo ormai abituati. La trasparenza e l’onestà della vita privata e pubblica di quest’uomo ha un rilievo eccezionale sullo sfondo squallido dell’affarismo politico, piduista o no.”

Ecco, alla Sinistra, per tornare a vincere, oltre alle idee e agli ideali, servono uomini e donne in violento contrasto con l’immagine consueta dell’uomo politico. E’ per questa ragione che Grillo fa il pieno di voti: non è solo voto di protesta, è voto di disperazione.

Ieri commentavo la vittoria di Hollande parlando della fine dell’arroganza. Ecco, in Italia bisogna mettere fine a quella. Finché avremo la stessa classe dirigente è ben difficile, però, che qualcosa cambi. E a rischio non c’è un partito (di quello chissenefrega), ma la democrazia intera.

Questo è l’ultimo treno: vediamo di non perderlo.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Lascia un Commento