Il Trota cede: “Mi dimetto”

Ultim’ora: Renzo Bossi ha annunciato le sue dimissioni da consigliere regionale della Lombardia. Dopo le proteste dei militanti, le dimissioni chieste da più parti e l’annuncio da parte del capogruppo del Corroccio in consiglio regionale di espellerlo dal gruppo leghista lombardo, il Trota ha preso l’iniziativa, annunciando le sue dimissioni.

Mi dimetto”. Così il figlio dell’ex-leader della Lega Nord ha esordito al Tgcom24, annunciando la decisione di lasciare l’incarico di consigliere regionale lombardo.

Non sono indagato, ma credo che sia giusto e opportuno per il mio movimento fare un passo indietro. Senza che nessuno me l’ha chiesto faccio un passo indietro in questo momento di difficoltà, do l’esempio. Sono sereno, so cosa ho fatto e soprattutto cosa non ho fatto e non sono indagato. In consiglio regionale negli ultimi mesi ci sono stati avvenimenti che hanno visto indagate alcune persone. Io non sono indagato, ma credo sia giusto e opportuno fare un passo indietro per il movimento.

Tralasciando il fatto che negli ultimi giorni ne hanno chiesto le dimissioni l’Italia intera, ora per coerenza dovrebbero dimettersi da consigliere regionale quelli che invece sono indagati (ma non lo faranno mai).

Ora aspettiamo quelle di Rosy Mauro, vice-presidente del Senato della Repubblica. Una che, nel 1993, all’insediamento di Formentini sindaco, urlò a Nando Dalla Chiesa mentre stava parlando all’aula di Palazzo Marino: “Sei la vergogna di Milano.

Corsi e ricorsi storici.

About Pierpaolo Farina

Sono nato nel 1989 a Milano, dove vivo. A vent'anni ho fondato enricoberlinguer.it e a 21 Qualcosa di Sinistra. A 23, dopo la laurea triennale, WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie. Oltre a scrivere e fotografare con Sophie, la mia fedele Canon 6D, mi occupo di comunicazione politica e digitale. Nel 2014 ho pubblicato "Casa per Casa, Strada per Strada", il libro più venduto su Enrico Berlinguer. Sono dottorando in Studi sulla Criminalità Organizzata presso l'Università Statale di Milano.

Check Also

ha vinto Gelli non il popolo

Ha vinto Licio Gelli, non il popolo

Era il 3 novembre 2008, una vita fa, quando nella video-rubrica tenuta da Marco Travaglio …

9 comments

  1. verrà presto riciclato. In Italia siamo virtuosissimi nel riciclo dei politici corrotti e non.

  2. unica cosa giusta della sua vita, dimettiti e sparisci assieme al paparino

  3. Non ignora solo il congiuntivo, è ignorante nell’accezione più ampia del termine. Lui, suo padre e chi lo ha votato. Ma li vedevano?

  4. Il dramma è che con la scusa delle dimissioni, peraltro richieste a gran voce anche dalla base della stessa lega, questi ladri escano di scena con “onore”. Siamo messi così male con la nostra etica che non ci incazziamo perché rubano i nostri denari, ma lodiamo quelli che sì rubano, ma poi, dimettendosi, si rendono degno di ammirazione. Avete sentito Giuliana Ferrara lodare l’eroe Bossi?

  5. Nadia Lamberti attraverso Facebook

    era l’ora.. sti ladri

  6. ma che ci frega del congiuntivo, l’importante è il presente….e cioè: che se ne va!!!

  7. …laurea comprata! L’avesse fatto con soldi suoi!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento