Good Morning, Vietnam

Oggi c’è il sole, una bella giornata. Tre anni fa il terremoto dell’Aquila. E le risate delle cricche e dei palazzinari.

Uno dei tecnici che ci governano, il ministro della coesione territoriale, ha detto che per ricostruire l’Aquila ci vorranno 10 anni. E’ ottimista: visto l’immobilismo degli ultimi, che ha movimentato solo soldi per commissari, emergenze di paesi non toccati dal sisma e affini, ce ne vorranno almeno 30. Pensate che in Irpinia è da 32 anni che lo Stato continua a pagare per la ricostruzione. Non si sa chi e perché, ma l’importante è che paghi, qualcuno ne beneficerà.

Qui a Milano stiamo spendendo milioni di euro per grattacieli a 15mila euro al mq2 (è la nuova edilizia popolare, baby). Ci lavorano 2mila persone 24h su 24. I giornali lodano questa bruttura totalmente slegata al resto della città, chiamandola la città nella città. Pensate, fu un progetto bocciato a Tokyo: e chi siamo noi per rifiutare Nella città nella città chissà quanti subappalti ad amici e amici di amici. Ma è nella norma, è la modernità. Tutto si costruisce il più in fretta possibile, anche perché nel 2015 c’è l’Expo.

Lo so che pare brutto, ma tra far mangiare Ligresti e palazzinari falliti e far rivivere una città intera, bhè, io non avrei dubbi. Qualcuno, però, a quanto pare sì. Ed è anche per questo che le cose in Italia vanno male.

Good morning, Vietnam.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia – Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro “Casa per Casa, Strada per Strada”. Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Lascia un Commento