Una cittadina lo denuncia, Calearo si dimette

Calearo si è dimesso. Dopo essere diventato un caso politico e aver scatenato l’indignazione e l’ira di centinaia di migliaia di internauti, l’ex-capolista in Veneto del PD annuncia al Fatto di “non essere mai stato di sinistra” e di averlo pure detto a Veltroni. E si dice stanco degli insulti ricevuti.

Caso chiuso? Non proprio. Una coraggiosa cittadina, Lidia Mazzola, ha denunciato alla Procura della Repubblica l’ex-presidente di Finmeccanica per Vilipendio della Repubblica e delle Istituzioni Costituzionali, abuso d’ufficio ed indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato.

Ecco il testo della denuncia:

La sottoscritta     Lidia Mazzola      , nata a     il                   e residente in                             denuncia quanto segue:

attraverso notizia stampa pubblicata dal giornale denominato “Foglio Quotidiano ” del 30 marzo 2012 la sottoscritta  apprende che   Calearo Massimo , nato a Vicenza il 23 novembre 1955,  deputato presso il Parlamento della Repubblica Italiana  , iscritto al gruppo ” POPOLO E TERRITORIO (NOI SUD-LIBERTA’ ED AUTONOMIA, POPOLARI D’ITALIA DOMANI-PID, MOVIMENTO DI RESPONSABILITA’ NAZIONALE-MRN, AZIONE POPOLARE, ALLEANZA DI CENTRO-ADC, LA DISCUSSIONE)”   ha  rilasciato le seguenti pubbliche dichiarazioni  testualmente  qui riportate:

“Calearo si è confessato alla Zanzara, la trasmissione di Radio 24: “Dall’inizio dell’anno alla Camera sono andato solo tre volte, anche per motivi familiari – ha spiegato – Rimango a casa a fare l’imprenditore, invece che andare a premer un pulsante. Non serve a niente. Anzi, credo che da questo momento fino alla fine della legislatura non ci andrò più”. Fino a novembre, ha detto ancora Calearo, “mi sono divertito a fare il consulente di Berlusconi sul commercio estero, ora non servo più. E’ usurante andare alla Camera solo a premere un pulsante”. Il logorio, però, non è sufficiente a fargli dare le dimissioni: “No, perché al posto mio entrerebbe uno del Pd molto di sinistra, un filo-castrista (sarebbe Andrea Colasio, assessore alla cultura a Padova, ndr)”. Ma non c’è solo la politica a impedirgli di rassegnare le dimissioni: “Con lo stipendio da parlamentare – continua – pago il mutuo della casa che ho comprato, 12mila euro al mese di mutuo. E’ una casa molto grande…”.

La sottoscritta rileva nelle dichiarazioni di Calearo Massimo i seguenti reati:

 1. Vilipendio della Repubblica e delle Istituzioni costituzionali a norma dell’art.  290 c.p. per aver  manifestato aperto disprezzo delle funzioni del Parlamento della Repubblica con  le seguenti frasi : “Dall’inizio dell’anno alla Camera sono andato solo tre volte, anche per motivi familiari. Rimango a casa a fare l’imprenditore, invece che andare a premer un pulsante. Non serve a niente. “

 

2.Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato ai sensi dell’art. 316 ter C.P. con rilievo delle circostanze aggravanti di cui all’319-bis  per quanto dallo stesso dichiarato : “Dall’inizio dell’anno alla Camera sono andato solo tre volte” ” mi sono divertito a fare il consulente di Berlusconi sul commercio estero, ora non servo più.” In base alle sue stesse  dichiarazioni, il Calearo, quindi,  pur dichiarando di non svolgere più funzione alcuna presso l’Istituzione parlamentare , senza  aver provveduto conseguentemente a presentare le sue obbligate dimissioni dalla Pubblica Istituzione presso la quale presta servizio in qualità di pubblico ufficiale , continua a percepire indebite erogazioni di denaro carpite con palese omissione di atto dovuto (dimissione)  e in totale  malafede.

3Abuso d’ufficio  ai sensi dell’art. 323 c.p. in quanto con le sue dichiarazioni: “Dall’inizio dell’anno alla Camera sono andato solo tre volte, anche per motivi familiari rimango a casa a fare l’imprenditore, invece che andare a premer un pulsante. Non serve a niente. Anzi, credo che da questo momento fino alla fine della legislatura non ci andrò più”  ammette  di stare arrecando  intenzionalmente  ad altri un danno ingiusto e con le sue dichiarazioni : “Rimango a casa a fare l’imprenditore, invece che andare a premer un pulsante”  e: “Con lo stipendio da parlamentare  pago il mutuo della casa che ho comprato, 12mila euro al mese di mutuo” , di arrecare ingiusto vantaggio patrimoniale a sè.  Con rilievo delle particolari aggravanti relative all’alto profilo  istituzionale dell’incarico ricoperto dallo stesso.

Per  quanto esposto e documentato, la sottoscritta chiede  espressamente (nelle forme previste dall’art art. 347 c.p.p.).  che si proceda in ordine  ai reati indicati e  sugli altri reati eventualmente riscontrabili dall’Autorità Giudiziaria, nei confronti di CALEARO  MASSIMO , nato a Vicenza il 23 novembre 1955  e domiciliato presso il Parlamento italiano.

Roma, 31/03/2012

Lidia Mazzola

Che dire, chapeau a Lidia.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia – Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro “Casa per Casa, Strada per Strada”. Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

7 commenti

  1. ancora non lo ha fatto, lo ha solo minacciato……

  2. mah “non essere mai stato di sinistra” non è titolo di demerito poichè neppure il PD è mai stato di sinistra !!!

  3. Rita Roncaglia attraverso Facebook

    Quindi è semplice…… Class action contro tutti i politici ??????

  4. Lia Masili attraverso Facebook

    signora Mazzola sono fiera di lei .

  5. Vittorio Verardini attraverso Facebook

    come fara’ poverino a pagare il mutuo ….!!! UN COLPO …..!!!

  6. Cambiando la legge elettorale, alle prossime elezioni è possibile scrivere “Lidia Mazzola” fra le preferenze?

Lascia un Commento