rosaluxemburg

Sarà festa quando cesserà la violenza

Non è libero l’uomo che opprime la donna“, diceva Enrico Berlinguer, parafrasando Karl Marx (Non può essere libero un uomo che opprima un altro uomo).

Ecco, oggi, 8 marzo, nella festa della donna (se a qualcuno fosse sfuggito, legga l’articolo di Federico Labriola sulle vere origini) forse è il caso anche di dire che è inutile festeggiare la donna per un giorno e poi dimenticarsene negli altri 364 giorni. Parlo della politica, ovviamente. Delle donne costrette in casa a fare le casalinghe o, peggio, quelle donne che non stanno mai in casa perché sono sole e devono sbarcare il lunario in qualche modo (a volte costrette a lavori maschili, prendendo però di stipendio meno di un uomo, si guardi a tal proposito il documentario del Fatto).

Sono anni che viviamo le ipocrisie delle pari opportunità. Negli ultimi giorni, in particolare, tra mariti gelosi, amanti psicotici e ragazzetti con scompensi ormonali, in televisione sembra di ascoltare un bollettino di guerra: donne ammazzate per la follia dell’uomo. E sai che te ne fai del reato di stalking in questi casi.

Si festeggi pure oggi la giornata internazionale della donna. Ma non chiamiamola festa: troppe donne a questo mondo sono costrette alla subalternità all’uomo. Sarà festa solo quando cesserà la violenza.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

7 commenti

  1. purtroppo chi fà la legge è sempre un altro uomo che protegge i suoi simili,dando per scontato che lo stupro o l’uccisione di una donna.non è poi tanto grave….si sono dimenticati di chi li ha partoriti con sofferenza

  2. non specifica però….. quando l’uomo opprime una donna

  3. Smartis Zanni attraverso Facebook

    già…!!!!!!!

Lascia un Commento