Se la sinistra entra in pista senza automobile

E’ ormai risaputo, del tutto assodato, che l’Italia delle istituzioni pubbliche, così come la sua classe politica, è completamente delegittimata. E allora che si fa? – chiederete voi. Che succederà quando questo governo tecnico terminerà il suo compito e sarà ridata la parola agli elettori?

La soluzione prospettata dai principali partiti, cioè la riforma del meccanismo di elezione che modifica i criteri (mescolando proporzionale e maggioritario a seconda delle convenienze del momento) e mantiene la scelta dei candidati alle segreterie, non ci piace per nulla.

Non ci piace neppure, peraltro, l’idea che passa in molti ambienti della cosiddetta anti-politica, cioè l’eliminazione dei partiti, la partecipazione diretta dei cittadini alla politica non si sa bene poi con quali criteri, il respingimento delle candidature sulla base di fedine penali o esperienze politiche passate, come se bastasse l’aver fatto, anche bene, il consigliere comunale o l’assessore in una giunta per macchiarsi in eterno di una specie di colpa primigenia.

No, la questione posta in questo modo è astratta: in una democrazia parlamentare, sono sempre e comunque le forze politiche, che piaccia o meno, i soggetti che agiscono e prendono le decisioni. Occorre assolutamente riformarli, dunque, anche stravolgerli nella loro struttura, per cambiare le istituzioni nel profondo.

Si illude, infatti, chi ritiene l’attuale Pdl logoro, il Terzo Polo inconsistente, il Pd disorientato. Apparentemente è proprio così, ma in realtà questi partiti hanno dimostrato di avere risorse inesauribili, a volte con accordi sottobanco, altre volte perfino alla luce del sole, per superare indenni qualsiasi crisi. Andreottianamente, verrebbe da dire. Di certo, non sembrano capaci di saper mobilitare gli elettori e di compiere quelle riforme di cui parlano, viene ormai da dubitare quanto sinceramente, da anni. Però, è pur sempre vero che questi partiti, insieme, raggiungono circa la metà dei voti degli elettori, checché ne pensi l’antipolitica.

Il discredito in cui essi versano, oggettivamente, è davvero tanto. Non è, peraltro, una novità. Capitò qualcosa di simile dopo Tangentopoli: Dc, Psi e partiti minori furono spazzati via, l’ex Pci poi Pds si salvò per il rotto della cuffia, ma, timido, informe, indeciso, non seppe mettere in piedi quella alternativa di riformismo militante che sarebbe servita per cambiare fin dalle fondamenta il paese. Poi venne Berlusconi, il resto lo conosciamo.

Che fare, dunque?

Il vero problema della crisi politica italiana (ma anche di quella economica e sociale) è la mancanza di forze politiche nuove. Senza questa condizione, è bene dirlo subito a scanso di equivoci, non ci sarà alcun reale rinnovamento, lo stato italiano continuerà, più o meno inesorabilmente, il suo declino, fino ad arrivare ai livelli più bassi tra le cosiddette democrazie, non solo europee, su tutti i fronti: Pil, lavoro, ricerca e sviluppo “umano”, diritti.

Ci sovviene in aiuto la storia. Di fronte al sommovimento radicale dovuto a Tangentopoli, non spuntò come un fungo solo Berlusconi, ma ci furono anche altri fenomeni: il tentato rinnovamento del Pri, la nascita della Rete di Orlando, Dalla Chiesa e Novelli, i sindaci della sinistra critica, la stessa Lega Nord, che comunque esprimeva una reale voglia di cambiamento, sebbene eterogenea e ambigua. Proprio come accade oggi, con il movimento Cinque stelle, con Sinistra ecologia e libertà, con la rete dei sindaci Pisapia e De Magistris, e con altri gruppi più o meno visibili.

A questo quadro ricco ma molto vario, vanno aggiunti gruppi di intellettuali, associazioni, riviste, movimenti, una vasta area di operatori e soggetti sociali, per usare un termine per la verità un po’ abusato, la cosiddetta “società civile”, tutta gente non iscritta ad alcun partito, che vorrebbe costituire una nuova politica. Soggetti caratterizzati da un bisogno di rappresentatività in parlamento, che fino ad oggi non si è mai potuto realizzare, sia per colpa delle tradizionali forze politiche, sia per colpa del proprio velleitarismo, della propria conflittualità. Ma anche da un bisogno di moralità, di pulizia, di “buona politica”, che si è espresso in più occasioni, idealmente nei movimenti di piazza, con studenti, lavoratori, pensionati, donne (si pensi alla imponente manifestazione del “Se non ora quando”), e più concretamente, nei referendum autogestiti sui beni pubblici (che non a caso ha ricordato, storicamente, la mobilitazione atipica sul referendum contro il nucleare militare e poi civile degli anni ottanta, con i partiti a ruota della società), con un risultato a tal punto imprevedibile, quasi stupefacente, da rompere completamente i vecchi e usurati schemi politici, anche con l’aiuto di una risorsa nuova, insperata, e quanto mai democratica, come i social network.

Finora i partiti tradizionali hanno dormito sonni abbastanza tranquilli perché queste forze si sono mosse in modo sfilacciato, disarticolato, eterogeneo. Ma l’esistenza di fili conduttori, aspirazioni e ideali che li uniscono, in particolare temi come la critica al neo-liberismo, la lotta alla corruzione, la battaglia contro la criminalità, la difesa dei beni comuni e dell’ambiente, rappresenta la base per la costruzione di una nuova forza politica capace di interpretare correttamente le richieste e di seguire le dinamiche di una società moderna e globale completamente mutata rispetto al passato.

In una nuova situazione di transizione politica come l’attuale, questi soggetti, che sono la parte indubbiamente più viva e dinamica della società italiana, sottopongono quotidianamente a una critica impietosa la forma-partito, uno strumento giudicato ormai non più intoccabile. In tal senso, l’unico modo che il partito avrebbe per salvarsi dal naufragio e per rimanere in vita, è quello di evitare di chiudersi nella solita funzione decisionale burocratica e di vertice (a questo proposito dovrebbe far pensare il fatto che, nei vari appuntamenti delle primarie, da Vendola a De Magistris da Pisapia a Zedda, fino al recente Doria, venga sempre premiato il candidato che non è espressione diretta del partito), e di aprirsi al microcosmo delle diversità che pullulano nel sociale, interloquendo con esso a partire dai problemi del lavoro, della scuola, dell’ambiente, dell’immigrazione, della pace.

Lo si è visto nella parabola del Pd, che pure inizialmente era stato accolto in modo entusiasta dall’elettorato del centro-sinistra: un patrimonio di speranze è stato sprecato incredibilmente e la colpa ricade, senza scusanti, nell’attuale dirigenza, che dovrebbe quantomeno fare autocritica, cospargersi la testa di cenere, e aprirsi finalmente all’esterno. Anzi, per dirla alla Moretti, dovrebbe aprire le porte a tutti, ai giovani, alle donne, ai lavoratori, ai movimenti, e dire “venite, venite nel partito, prendetelo!”.

Nel Pd, infatti, storie troppo diverse, pregiudizi, interessi immediati contrastanti, gruppi di potere non disponibili a lasciarsi liquidare, hanno condizionato e condizionano tuttora fortemente le nuove leve, ed i risultati sono oggi sotto gli occhi di tutti: disorientamento assoluto dell’elettorato abituale, vento dell’antipolitica.

E’ bene anche dire, per correttezza, che il quadro del rinnovamento sarebbe incompleto se non si aggiungesse quella minoritaria parte di mondo racchiuso nei partiti tradizionali, che pure spinge, timidamente, in direzione del cambiamento. Ci sono pezzi e soggetti costruttivi anche dentro ai partiti tradizionali, è evidente. Se anziché parlare di Pdl si parlasse di elettorato di centro-destra, se anziché dire Terzo Polo si dicesse elettore moderato, se anziché scrivere Pd si intendesse centro-sinistra, se invece di Chiesa ci si riferisse al mondo cattolico della base, si capisce bene come in queste realtà esistano forze vere e sincere, schierate contro la degenerazione e la corruzione, con le quali poter costruire una politica nuova.

Va assolutamente evitato di riproporre meccanismi e dinamiche vecchie, destinate alla sconfitta, foriere solamente di illusioni. Il popolo del centro-sinistra ne ha subite fin troppe, fin dal lontano ’48: negli anni sessanta la divisione tra Pci e Psi scavata dal centro-sinistra, negli anni settanta quella dovuta al compromesso storico, negli anni ottanta il craxismo, negli anni novanta i contrasti dell’Ulivo, infine, l’indeterminatezza del Pd.

E’ giunto il momento che le forze vitali della società mettano da parte divisioni e rancori, che i pochi settori vivi dentro i partiti della sinistra si uniscano per dar vita ad una forza politica di sinistra completamente nuova, che selezioni, in modo partecipato e democratico, sulla base delle competenze professionali, la propria giovane classe dirigente, capace di parlare un linguaggio moderno, dinamico ma carico di contenuti e non ignaro del ruolo fondamentale della memoria storica. La storia recente dimostra che costruire un calderone vuoto, un partito liquido senza spina dorsale, senza riferimenti culturali precisi, è stato dannosissimo. Parlare di alleanze, di primarie, di candidato premier e di programma politico, allo stato attuale, è del tutto inutile. Sarebbe, semplicemente, come entrare in pista senza automobile.


Commenta con il tuo account Facebook

About Giambattista Scirè

Check Also

#PrimalePersone non resti uno slogan

La piazza di sabato era qualcosa di indescrivibile. Lo era a tal punto che ben …

36 comments

  1. voteremo spero con la nuova riforma elettorale per non vedere gli stessi cinghiali a montecitorio

  2. Cari amici, l’idea espressa nell’articolo è di ripartire dalle idee di berlinguer, fare un’opa sul pd come cittadini-elettori, lavoratori, associazioni, gruppi culturali, riviste e riprendersi il partito della sinistra italiana, cambiare e rinnovare la classe dirigente di quel partito e presentarsi con un’auto nuova alle prossime elezioni, possibilmente con una nuova legge elettorale

  3. e perchè non ora?Aspettare che si risolvano i problemi rinviando al domani? Ora bisogna fare la propria parte in difesa degli ATTUALI interessi dei lavoratori,ad esempio sostenendo lo sciopero della FIOM.

  4. per avere in italia un partito di sinistra, bisogna prima fondarlo, e non parlo di un nuovo partito comunista ideologicamente inteso, parlo di un partito della sinistra del popolo, partendo dalla composizione di una lista con personaggi ben noti come maurizio landini, come gino strada, come roberto saviano, personaggi che per come parlano e per ciò che fanno, hanno un vastissimo consenso popolare. Io non ho conoscenze specifiche sufficienti nei vari settori per poter fare un lista completa, ma tra chi la pensa come noi sicuramente c’è chi le ha. Abbiamo un anno di tempo per fare questa operazione, io sono solo un ex operaio in pensione, ma le persone in grado di far partire la proposta su vasta scala certo ci sono, si tratta di mettersi in gioco e rischiare, non possiamo aspettarci le svolte da partiti o personaggi che parlaqno di sinistra solo in chiave elettorale e governano come la destra e con la destra. come dicevo all’inizio bisogna fondare il partito della NUOVA SINISTRA POPOLARE, sperare non serve, bisogna FARE!!!!

  5. Se avessi il potere di farlo, lo farei andar via insieme alla FIAT! Prima però gli farei saldare il conto, chiedendogli il rimborso di tutti gli aiuti di stato, le agevolazioni e quant’altro percepito negli anni in Italia. Sono sicuro che abbasserebbe le ali, sto gran cornuto!Doveva investire 20 miliardi dove sono? Cazzo che merda!

  6. Ho scritto il mio primo commento partendo solo dalla domanda, poi ho letto l’articolo, sono contento di constatare che siamo esattamente sulla stessa lunghezza d’onda, lo condivido al cento per cento, ciò a cui non ho una risposta è: chi può iniziare a mettere insieme il primo gruppo di persone per stendere un documento formale, e lanciare l’operazione su tutto il territorio nazionale???

  7. Che fare dopo un governo tecnico? Non vi preoccupate “LORO” sanno già cosa fare e noi, nonostante tanti proclami, non potremo contrastare i loro progetti. Certo se si creasse un partito di sinistra (e quando scrivo sinistra intendo Comunista) e ricevesse tante adesioni da mettere un po di pepe al culo a questi farabutti, forse qualcosa si potrebbe cambiare.Occorre però partire da subito, creare l’involucro e riempirlo di contenuti, creare un movimento che si renda visibile alla totalità del popolo italiano sia tramite il Web ma principalmente alla vecchia maniera con volantinaggi e iniziative pubbliche. Fare di una idea condivisa un obiettivo comune per tanti cittadini(vedi Nucleare, acqua pubblica ecc).

  8. Che fare quando ci saranno le elezioni? La sinistra deve riappropriarsi di alcuni concetti, ormai desueti nel lessico politico. Li ho sentiti l’altra sera dal comico che chiude la trasmissione della Dandini. I termini sono ” egemonia, classi, cambiamento”. L’egemonia si conquista con idee nuove e rivoluzionarie. Sembra che nessuno è in grado di dire che questo sistema capitalistico è alla fine, che Marchionne, Marcecaglia e gli altri padroni sono esponenti della classe dominante e vogliono abolire i diritti conquistati dalle classi subalterne. Si ha paura di dire queste cose semplici per non impaurire il cosiddetto ceto medio che in realtà non esiste più. Dal vocabolario della sinistra sembra essere cancellata la parola lavoratori, tanto che discutono nel PD se andare alla manifestazione della FIOM o no. Sotto la gru a Brescia non c’era il PD, sotto la gru a Milano non c’è il PD con i suoi militanti come si faceva una volta. 

  9. anch’io preferirei comunista, ma i passi si fanno uno per volta, oggi è fondamentale svuotare questi partiti a rimandare monti a tramare col suo club, dobbiamo togliere a questi partiti lo scranno dal sedere, adesso, poi un passo dopo l’altro……..

Lascia un commento