Partigiani della Costituzione

“La nostra è la costituzione più bella del mondo”, ”è invidiata da tutti”…

Quante volte nei dibattiti televisivi  abbiamo sentito questi luoghi comuni, così tante volte che ormai non gli diamo più peso; la cosa tragica, e sottolineo tragica, è che questi luoghi comuni sono verissimi e ormai ripeterli come un mantra  non serve più, bisogna agire.

In quest’ultimo periodo di pseudo unità nazionale, che vede una maggioranza anomala in parlamento appoggiare un governo sedicente tecnico; la nostra costituzione è violata più volte Auspico che a nessuno passi  per la mente che questo non abbia ripercussioni anche nella vita di tutti i giorni. Voglio essere chiara:

Art. 11 della Costituzione
“L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.”

Alle fine del 1945 l’Italia usciva distrutta da una guerra mondiale in cui era coinvolta a causa dell’insensato nazionalismo fascista che poi degenerò in espansionismo dovuto alla sciagurata alleanza con i nazisti. Quindi, prerogativa di tutte le forze politiche presenti nell’assemblea costituente era  il pacifismo, imposto dalla consapevolezza di non voler ripetere gli errori del passato.

Come ben sappiamo questo articolo è stato violato più volte in questo periodo con veri e propri interventi di guerra in altri paesi, ultimo caso la Libia.

La violazione di questo articolo ha ripercussioni molto gravi su ognuno di noi. Il recente acquisto dei 131 caccia-bombardieri (anti-radar e quindi d’attacco)è l’esempio  più lampante. Il costo di questi arei da guerra oscilla fra 15 miliardi di euro per i più ottimisti, e 18 miliardi di euro per i più pessimisti, la manovra “salva Italia” che è stata ed è una manovra lacrime e sangue per tutti gli italiani, ha un costo di 30miliardi di euro lordi e 20 miliardi netti, ciò significa che bastava risparmiare sull’acquisto di quei caccia-bombardieri per coprire quasi l’intera manovra (come fa Obama negli USA riconvertendo i soldi spesi per la guerra in soldi per la crescita). Quindi violando l’articolo 11 oggi ci troviamo con una nuova tassa sulla casa d’abitazione (bene primario e simbolo del risparmio degli italiani) l’IMU che dovremo pagare tutti, a meno che’ la casa non sia di proprietà della chiesa, una riforma delle pensioni scellerata che non tiene conto delle diverse categorie lavorative e un aumento dell’IVA indiscriminato che va in contrasto con un altro articolo della Costituzione:

Art. 53
“Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività.”

Come è noto il Potere impositivo è competenza del parlamento, nel rispetto dei principi costituzionali e di solidarietà sociale. L’aumento del 2% dell’IVA  (pane, pasta ecc. al 12%- luce, gas ecc. al 23%) non è altro che l’aumento di una tassa, una tassa indiretta, la più brutta proprio perché non  tiene conto delle capacità contributive di ogni cittadino. Pagare il 12% di IVA su un pacco di pasta e il 24% sulla bolletta della luce per la povera pensionata che a stento arriva a fine mese ha un costo anche ingente, mentre il Marchionne di turno neanche se ne accorge (Per questo è necessario tassare i grandi patrimoni).

Queste misure non solo sono ingiuste e incostituzionali ma anche sbagliate, è  da folli pensare che in un periodo di recessione economica sia meglio strozzare i consumi succhiando i soldi stra-tassando i cittadini  per risanare il debito pubblico non pensando alla crescita, –ne è prova che la Confindustria (no i brutti bolscevichi) ci dice che nel 2012 avremo un ulteriore perdita di posti di lavoro quindi la povertà aumenterà– senza tener conto che se i cittadini non spendono il PIL non cresce e così facendo l’Italia non uscirà mai dalla fase di stallo economico in cui si trova  (Il buon vecchio Keynes insegna).

Concludo dicendo che questo governo sedicente tecnico è più politico di altri, proprio perché fa scelte politiche, sceglie di non rispettare la costituzione e sceglie dove andare a prendere i soldi per accontentare l’Europa dei banchieri, sceglie sempre e comunque di fa pagare i soliti, di bastonare la povera gente; senza tener conto delle ripercussioni sociali che ci potranno essere. Tanto non è eletto da i cittadini e non da conto ad essi.

Per questo vi invito ad essere Partigiani della Costituzione.

Commenta con il tuo account Facebook

Sarah Latorre

Inizio giovanissima ad avvicinarmi alle idee comuniste frequentando gruppi autonomi della sinistra, nel 2006 faccio la mia prima tessera al Partito della Rifondazione Comunista, e inizio a militarci attivamente. Alla fine del 2009 decido di lasciare il PRC per aderire con convinzione al Partito dei Comunisti Italiani condividendone pienamente l'idea di "partito" e convinta che l'unità dei comunisti sia la strada da seguire. Attualmente faccio parte della Segreteria Provinciale del PdCI di Taranto (Resp.Organizzazione dal 2010 al 2011, Politiche Giovanili, Pari Opportunità e Cultura dal 2011) e sono segretaria cittadina della Federazione della Sinistra del comune di Torricella. Dal 2012 collaboro col Blog "Qualcosa di Sinistra"

Lascia un Commento