Celentano: “Io mi inchino ai valori della Resistenza”

Vi distolgono dal capire.” E torna all’attacco di Famiglia Cristiana e di Avvenire, che si occupano “della politica degli uomini“. Poi arriva qualche “basta“, ma viene subito sommerso dagli applausi. “Io non ho il potere di chiudere i giornali, mentre c’è qualcuno che qualcosa lo ha chiuso.” Il riferimento a Lorenza Lei e ai programmi Rai censurati, Santoro in primis, è implicito fino ad un certo punto.

Poi canta “La cumbia di chi cambia“, che è un atto d’accusa verso la classe dirigente italiana. “Io mi inchino ai valori della Resistenza, ogni paese ha la sua rivoluzione, ma tra i valori che si stanno affievolendo c’è quello dell’innovazione.

E alla fine strappa pure un bravo. Poi duetta con Morandi… e finisce il Sanremo di Celentano. Chissà se avranno ancora qualcosa da dire a Viale Mazzini. Una cosa è certa: il suo compenso andrà interamente a Emergency. E questo può solo farci piacere.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

77 commenti

  1. messaggio commovente di Adriano Celentano. Che la chiesa, e chi la rappresenta, faccia solo ciò per cui è deputata.

  2. Maria Amici attraverso Facebook

    E mica tanto, si inchina ai valori della Resistenza.. Non mi risulta che la libertà di parola e di stampa non fosse un valore della Resistenza, né che lo fosse l’attacco rancoroso a chi avesse, con la critica a un compenso con troppi zeri (questo sì, semmai, è realmente “qualcosa di sinistra”..!), mostrato al mondo che “il Re è nudo”.

  3. Maria Amici attraverso Facebook

    E mica tanto, si inchina ai valori della Resistenza.. Non mi risulta che la libertà di parola e di stampa non fosse un valore della Resistenza, né che lo fosse l’attacco rancoroso a chi avesse, con la critica a un compenso con troppi zeri (questo sì, semmai, è realmente “qualcosa di sinistra”..!), mostrato al mondo che “il Re è nudo”.

  4. quando Berlusconi attaccava ili giornale Repubblica e la Corte Costituzionale levata di scudi a difesa è ora con Celentano!!!!

Lascia un Commento