Su Panorama il leader dell'Udc apre al grande inciucio: una nuova formazione centrista con gli ex-dc di Pdl, Udc e PD. Tagliando le ali estreme (Lega da una parte e Idv e Sel dall'altra). Unico ostacolo: Bersani. E Casini lancia Renzi alla premiership e Monti alla Presidenza della Repubblica.

Casini: “Aspetto Renzi a braccia aperte”

Abbiamo chiesto la supplenza dei tecnici anche perché, a un anno dalle elezioni, sarebbe stato molto difficile vedere Alfano e Bersani nello stesso governo: ma a me piacerebbe che stessero insieme per precisa volontà”.

Per precisa volontà. Il delfino di Forlani (sì, quello del CAF) scopre finalmente le sue carte e in un’intervista a Panorama si augura che alle prossime elezioni: “nasca una grande coalizione sul modello della Germania, e che le ali estreme, e cioè coloro che sono palesemente incapaci di partorire una politica non figlia della demagogia e del populismo, vengano emarginate.” Giusto, meglio affidarsi a condannati, mafiosi e tanta altra bella gente che negli anni i protagonisti della vicenda e lo stesso Casini hanno candidato senza alcun senso del pudore e della vergogna. Del resto, come direbbe qualche riformista, meglio i politici collusi che i politici duri e puri: i primi, mi disse una volta un imbecille, almeno ne capiscono di bilancio.

Cosa che non è nemmeno vera, visto che i democristiani sono responsabili di 40 anni di cancrena, malcostume e corruzione italiani… perché Craxi semplicemente si inserì nel sistema, aggravandolo, ma di certo non lo istituì. E se oggi abbiamo il terzo debito pubblico del mondo e ci troviamo nella situazione in cui ci troviamo, dobbiamo ringraziare proprio chi era al governo negli anni ’80 e aveva istituito un sistema clientelare fondato sul familismo amorale e sull’assenza di capitale sociale, che poi sono i cardini su cui è cresciuta e si è aggravata la Questione Morale. La cui attualità, mi pare, sia fuori dubbio, sebbene quando ne parlassi quattro anni fa tutti mi dessero del pazzo (e sono fiero, nel mio piccolo, di aver contribuito a sensibilizzare riguardo il problema, anche attraverso EB.IT).

La perla, però, Casini la regala quando parla del Sindaco di Firenze: “Matteo Renzi? Lo accoglierei a braccia aperte. Magari venisse da noi”. Una preghiera al monumento all’arroganza che scalcia: vai pure con Casini, non ti rimpiangeremo. Quanto all’attuale presidente del Consiglio, Casini non nasconde l’entusiasmo per il suo centrismo: “Monti si sta dimostrando più politico di tanti politici, è furbo e raffinato, non ha nulla da invidiare a Giulio Andreotti”.

Del resto, tra Cossiga e Napolitano, hanno nominato senatori a vita quelli giusti. Speriamo che, al pari del Divo, la sua candidatura alla Presidenza della Repubblica, ventilata da Casini nella stessa intervista, faccia la stessa fine.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia – Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro “Casa per Casa, Strada per Strada”. Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

79 commenti

  1. ……………e torna quando ti mando a chiamare io

  2. nel partito di Casini ci starebbe veramente bene,molto bene..sarebbe per Renzi un ritorno a casa..

  3. ma chissa perche questa notizia non mi stupisce , vai renzi vai accogli l’invito torna a fare ilo chirichetto, rifate pure la dc… saremo sempre su fronti contrapposti, ma scordati di essere votato

Lascia un Commento