Il TAR dà ragione agli studenti che avevano portato in tribunale l'Università di Pavia, rea di aver aumentato oltre il limite di legge le rette universitarie. Una pratica diffusa dopo i tagli. E ora si teme l'effetto domino. Gli studenti: "Andremo avanti!"

Università, tasse troppo alte: risarciti gli studenti

Il TAR lo mette nero su bianco su una sentenza che rischia di diventare un caso nazionale: gli aumenti delle rette universitarie, giustificati dai tagli della Legge Gelmini, sono ingiustificati. E accade così che l’Università di Pavia si ritrova a dover rimborsare a tutti i  suoi 22mila iscritti quasi 2 milioni di euro, 77 euro a studente.

Il motivo è molto semplice: la somma dei contributi di ogni singolo studente non dovrebbe superare il 20% dei fondi ministeriali stanziati per quell’ateneo. Il problema è che, con i tagli targati Gelmini-Tremonti, quasi tutte le università per fare cassa hanno aumentato le tasse, andando a sfondare il tetto del 20% ed essendo di fatto, fuorilegge.

Nel caso dell’ateneo pavese lo sforamento è stato dell’1,3%, ma il timore di molti altri atenei è l’effetto domino: gli studenti sono pronti a presentare migliaia di ricorsi in tutta Italia per aumenti ingiustificati. I rettori si difendono e argomentano: “Così rischiamo di chiudere bottega.”

Bhè, il diritto allo studio è sancito dalla Costituzione. Ricordatelo magari a Mario Monti, che ha anche elogiato questa riforma.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

14 commenti

  1. in una nazione civile, l’istruzione dovrebbe essere gratuita!

  2. E’ quello che dicevo io Ida, alle Uni mancano i soldi e la colpa non è loro (sprechi e baronie le ritengo più un mito che altro, si ci sono ma sono una piccola parte), ma della politica che non da soldi, e mi spiace anche della mentalità dell’italiano/a medio/a. Un nostro ministro ha pur detto che “con la cultura e la ricerca non si mangia”, eccola la mentalità italiana sull’università. E credimi è molto più estesa di quello che pensiamo.

Lascia un Commento