Bocciato l'art.1 dell'assestamento di bilancio, votano contro Tremonti e i Responsabili. La maggioranza va in pezzi. Occhi puntati sul Quirinale, mentre il governo si riunisce per rimettere insieme i cocci.

Bilancio, maggioranza ko. Tremonti e Bossi non votano

Non è bastata nemmeno la presenza in aula di Silvio Berlusconi ad evitare una sconfitta epocale. Non era mai successo nella storia della Repubblica che il governo venisse battuto su un provvedimento di bilancio di questa portata. La maggioranza richiesta era di 291 voti, ma l’articolo 1 del rendiconto ha ottenuto un 290 pari tra contrari e favorevoli. Con Tremonti e Bossi che non partecipano al voto, il primo sulla soglia dell’emiciclo, l’altro in transatlantico con i cronisti.

Scatenati i parlamentari del Pdl contro il ministro dell’economia, mentre dai banchi dell’opposizione si urlava ripetutamente “dimissioni, dimissioni!”

La seduta è stata quindi aggiornata a domani mattina, ma prima di accordare il rinvio il presidente della Camera Gianfranco Fini ha sottolineato che il voto con cui è stato bocciato il primo articolo del rendiconto di bilancio dello Stato “ha evidenti implicazioni di carattere politico”, facendo notare che si tratta di un fatto che non ha precedenti e per questo ha convocato per domani mattina la Giunta per il regolamento della Camera che dovrà capire se e come l’Aula potrà riprendere l’esame sullo stesso articolato dopo la bocciatura dell’articolo uno dell’assestamento di bilancio.

Lo stesso Fini ha poi avuto nel pomeriggio un incontro con il Capo dello Stato, casualmente trovatosi a Montecitorio per un evento già in calendario da tempo. Capo dello Stato sul quale sono ora puntati tutti i riflettori, visto che ci troviamo di fronte ad un’evidente crisi politica e numerica della maggioranza, che non riesce nemmeno più ad approvare il Bilancio dello Stato.

Le elezioni si fanno sempre più vicine. Ed era anche ora.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

60 commenti

  1. la maggioranza viene sistematicamente bacchettata dalla Banca Centrale Europea, che vergogna!!!!!!!!! Talmente che questo governo è formato da gente incapace, che facciamo brutte figure quotidianamente!

  2. IL GOVERNO E’ STATO BATTUTO DA TREMONTI: ogni tanto i dipendenti si ribellano!

  3. No, chiederanno le dimissioni di Tremonti e il ritiro definitivo di Bossi dalla scena politica promettendo poltrone ai maroniani.. E mentre il PD vaneggia la gente soffre…

  4. Gli ci vorrebbe un assestamento sismico!!!porco boia ladro…

  5. tutti a casa ! a zappare ! non è questo che vuole l ‘ Italia ! vergogna !

Lascia un Commento