Un report segreto di Goldman Sachs prevede il collasso economico

La notizia è stata pubblica sul Wall Street Journal il 1 Settembre scorso dai giornalisti Susan Pulliam e Liz Rappaport. Alla notizia non è stata data, a mio avviso, la giusta visibilità che invece meritava. Provo a riassumervi qui la vicenda.
Il 16 agosto 2011 uno dei più importanti strateghi di Goldman Sachs, Alan Brazil, stila un documento di 54 pagine destinato ai c.d. “hedge-fund clients”. Un documento che non doveva avere come destinatario anche il grande pubblico, ma che, grazie ai giornalisti del WSJ, possiamo vederne e analizzarne i contenuti. Da queste 54 pagine emerge nuovamente il palese conflitto d’interessi della grande banca americana che, con un mano scommette sul collasso economico europeo dettando ai suoi clienti “top” le azioni per ricavarne profitti, e con l’altra consiglia all’Europa come salvarsi dal crollo ormai inevitabile. In poche parole, sta provando nuovamente l’operazione attuata con la Grecia, la quale da un lato veniva “aiutata” dalla Goldman Sachs e dall’altra veniva da essa attaccata. Infatti la banca americana guadagnò milioni dalla “falsificazione” dei dati sul deficit greco quando nel 2001 il governo ellenico, con i Swaps, imbrogliò i suoi cittadini facendogli vedere dati illusori sulla situazione del debito. Oggi ne abbiamo la conferma.
E come se tutto ciò non bastasse, nel 2010 (prima che tale vicenda venisse scoperta) un ex uomo della Goldman Sachs viene nominato Capo dell’Organismo di Gestione del Controllo del Debito greco.
Alan Brazil, nel suo report, parla di puntare sull’Europa, in sintesi, in questo modo (riassunto dal sito businessinsider.com)

– “Comprate un’opzione put a sei mesi sull’Euro contro il franco svizzero, e quindi scommettete che l’Euro cali sul franco (il Franco è la divisa che un recente report ufficiale di Goldman considera la più sopravvalutata al mondo)”

“Comprate un credit default swap a cinque anni su un indice del debito pubblico europeo, l’iTraxx 9. Questa è una scommessa sul default di alcune aziende, e la polizza di assicurazione, il CDS, vi rimborserà.”

Ricordiamo anche che la Goldman Sachs è famosa per il suo “comportamento improprio”, tenuto tra il 2006 e il 2007 riguardante i titoli tossici dei mutui subprime venduti, o meglio spacciati (essendo consapevoli del rischio di tali strumenti finanziari) per titoli con rating AAA. Mentre con una mano li spacciava per titoli assolutamente affidabili, con l’altra scommetteva contro di essi. Questa è Goldman Sachs.

Continuando nell’analisi del rapporto di Alan Brazil si leggono soprattutto alcune prospettive riguardanti i debiti degli USA e dell’Europa:

“Risolvere il problema del debito con altro debito non allevierà i problemi sottostanti. Negli Stati Uniti, la crescita del debito del Tesoro ha finanziato il consumatore statunitense, ma non ha avuto abbastanza impatto sulla crescita dei posti di lavoro. Gli Stati Uniti possono continuare a deprezzare la moneta di riserva mondiale?”

Riguardo all’Europa, Brazil, stando sempre a quanto ha scritto il Wall Street Journal, crede che per ricapitalizzare, e salvare le banche europee dalla situazione attuale e dal rischio del collasso economico, serva 1 trilione di dollari (1000 miliardi di dollari). Una cifra enormemente superiore a quella stimata dal FMI, pari a 200 miliardi.
Ma non solo gli Stati Uniti e l’Europa sono al centro del report dello stratega di Goldman. Si cita anche il problema della Cina, la cui crescita viene vista come “insostenibile”.

Goldman Sachs, quindi, torna nuovamente sullo scenario economico-finanziario mondiale mostrando la sua vera faccia. Quella del doppio-giochista.

Commenta con il tuo account Facebook

Valerio Spositi

Sono uno studente universitario di Scienze Politiche e Relazioni internazionali. Studioso di economia eterodossa, da tempo ho focalizzato la mia attenzione sulla struttura dell'Unione Monetaria Europea e le sue conseguenze nonché sul funzionamento della moneta moderna. Interessato alla filosofia e specialmente al pensiero di Karl Marx, sono un critico radicale del capitalismo.

38 commenti

  1. Emiliano AnimalParty Malinverni attraverso Facebook

    io sono pronto con le mie armate rosse…

  2. non è una buona notizia perchè chi ha soldi ne uscirà e magari ci guadagnerà ma i poveri e anche chi a qualcosa risparmiato a fatica saranno sul lastrico

  3. SPeriamo che sia una “bufala”,,,con 1000 euro e il mutuo da pagare non ci resta che piangere

  4. Bho, io inizio a credere che neppure i USA credano piu’ a sti delinquenti della Goldman Suck e simili e vari ( si badi bene Suck è VOLUTO) visto i grandi consigli dati in passato e relative fregature!!!!

  5. Sono questi il vero cancro del mondo e come tale va estirpato!!!

  6. Fabio Nicolini attraverso Facebook

    x Vincenzo Fontana: o spero tanto che riusciamo a salvarci da soli!!!!!

  7. Fabio Nicolini attraverso Facebook

    x Vincenzo Fontana: o spero tanto che riusciamo a salvarci da soli!!!!!

Lascia un Commento