Da Della Valle a Marcegaglia, l’ipocrisia degli imprenditori che hanno prosperato con questa classe politica e ora la scaricano: per metterne su una nuova che faccia i propri interessi e scarichi solo sui lavoratori il peso della crisi.

La Confindustria non ci salverà

Quando si chiedono sacrifici alla gente che lavora ci vuole un grande consenso, una grande credibilità politica e la capacità di colpire esosi e intollerabili privilegi. Se questi elementi non ci sono, l’operazione non può riuscire.”
(Enrico Berlinguer, dall’intervista ad Eugenio Scalfari)

C’è un non so che di mistico e paradossale nell’ennesima crociata della Confindustria contro la classe politica. Mistico perché, da Emma Marcegaglia in giù, sembra che gli imprenditori italiani abbiano vissuto negli ultimi 15 anni su un altro pianeta; paradossale perché sono corresponsabili dell’attuale crisi morale, economica, politica e sociale tanto quanto i politici che ora hanno preso gusto a dileggiare su tutti i maggiori quotidiani.

Diego Della Valle, addirittura, anziché sponsorizzare le proprie scarpe, ha tappezzato i quotidiani italiani di una lunga requisitoria dove il succo è che di fronte alla crisi delle economie mondiali e «per uscire da questo momento molto preoccupante» ciò che serve è «serietà, competenza, buona reputazione, senso dello Stato e amore per il proprio Paese».

La classe politica è in gran parte inadeguata, corrotta, inefficiente, è vero. Si rimpiange quasi quella della Prima Repubblica, spirata per una dose letale di tangenti. Ecco, ma chi le paga e le ha sempre pagate le tangenti ai politici, da che mondo è mondo? Gli imprenditori. E chi si avvantaggia delle leggi ad-personam del premier, oltre ai tanto odiati politici? Gli imprenditori. E come vengono pagate le tangenti ai politici? Con i fondi neri, che sono degli imprenditori. E chi massacra di cemento, rifiuti tossici e veleni l’ambiente e il territorio, grazie ai favori dei politici? Gli imprenditori.

Chi è, alla fine della fiera, l’agente corruttivo della classe politica di ogni Repubblica, senza distinzione di grado e di colore? La Confindustria. Lei e solo lei. I cui membri, tra l’altro, non disdegnano di dare in subappalto o addirittura di essere compartecipati con capitali illegali da imprese mafiose.

Il triangolo della corruzione è chiaro: politica, imprenditoria, mafia. E la mafia è tanto più forte nell’economia nera, tanto più forte è l’economia grigia, che è fatta appunto di professionisti, affiliati della Confindustria e politici corrotti.

Per raccontare il senso degli imprenditori italiani per la legalità ci torna utile una data, il 17 aprile 1997, quando su Il Sole 24 Ore, il giornale della Confindustria, arriva un doppio scoop: una lettera firmata da una cinquantina di grandi nomi dell’economia nazionale che protestavano contro la condanna ad un anno e mezzo di carcere inflitta dal Tribunale di Torino a Cesare Romiti per i reati di falso in bilancio, frode fiscale e finanziamento illecito ai partiti; il secondo scoop era che questa lettera era firmata dal dominus della finanza italiana, Enrico Cuccia.

Ma non c’era solo lui: c’era anche Diego Della Valle, a firmare quella lettera in cui “I sottoscritti, che sanno l’impegno personale, la dirittura morale e l’ortodossia di comportamento che hanno sempre caratterizzato Cesare Romiti, vogliono in questa occasione esprimergli tutta la loro stima e la loro piena solidarietà, convinti che le sue doti personali e di carattere gli consentiranno di portare avanti il proprio lavoro, dando a questo episodio il peso che esso effettivamente merita.

La tesi in quella lettera era: la Fiat ha un giro d’affari enorme, cosa volete che conti un piccolo falso in bilancio? La magistratura pensi ai politici corrotti e lasci stare i grandi imprenditori.

Lo stesso Della Valle, quando nel 1996 sul palco di Capri Piercamillo Davigo denunciava il pericolo di essere lasciati soli di fronte ai poteri forti dell’industria toccati dalle inchieste di Mani Pulite (presenti con lui al dibattito c’erano il neoministro della Giustizia Flick e Luciano Violante, presidente della Camera), accusò i giudici di cercare “facili applausi” e ancor più facili consensi, rischiando così di diventare “un problema democratico”. Parole chiave del berlusconismo militante.

Un’altra intervista, datata 27 ottobre 1999, riporta la testimonianza di un altro grande imprenditore, Leopoldo Pirelli, che ad Eugenio Scalfari confida di avere un grande rimorso, riguardo al silenzio su quei grandi imprenditori che durante Tangentopoli avevano sostenuto di essere stati vittime di una concussione generalizzata: “Non è stato così, concussi sono stati i piccoli imprenditori costretti ad allungare il milione o i dieci milioni al vigile urbano o al finanziere o all’assessore per ottenere una licenza o un favore fiscale. Ma non le maggiori imprese del paese.”

Ecco, se ne facciano una ragione quelli entusiasti dell’improvvisa conversione sulla strada per Damasco degli imprenditori: la Confindustria non ci salverà. Metterà semplicemente a capo un altro dei suoi più presentabile e, quando fallirà, lo scaricherà per puntare su un altro cavallo vincente. Ha fatto sempre così, continuerà a fare così.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

18 commenti

  1. berlusca là ce l hanno messo loro…. adesso ceh non gli serve più lo scaricano per puntare su uno nuovo che faccia ancora i loro comodi…e alla gente vogliono far credere che c’è il cambiamento…

  2. Provano sempre e con ogni mezzo a raggiungere i loro scopi, ti chiedpno la mano ma vogliono tutto il braccio, non ci incantano più

  3. La Confindustria sta tentando ,con ogni mezzo,di mandare a Palazzo Chigi un imprenditore che pensi “solo ed esclusuvamente” alla loro lobby…Come se non bastino ed avanzino i gravissimi danni pèrocurati dall’attuale…imprenditore che ha usato la sua posizione per “sistemare” solo i suoi beni e la sua persona! Aprite bene occhi ed orecchie,amici e compagni lavoratori,disoccupati,pensionati,casalinghe,giovani di buona volontà…!!!

  4. non possiamo ancora x una volta essere cosi cretini da non capire che non ci serve un altro salvatore della patria.hasta siempre.

  5. ma dov’erano tutti questi salvatori della patria compresi i vescovi dal 1994 ad oggi?, forse ora sentono puzza di cadavere ed escono fuori per meglio posizionarsi, SQUALLIDI!

  6. Emanuele Agus attraverso Facebook

    Ho letto il loro documento che dovrebbe spiegarci come salvare l’italia, si divide in quattro punti, riforme fiscali (Più tasse ai dipendenti e meno alle imprese, quindi più tasse per voi) Meno impedimenti alla crescita (Meno sicurezza sul lavoro, nessun paracadute sociale, meno per voi, più per loro) LIBERALIZZAZIONI del settore pubblico ( Ovvero, come vi svendo i pochi tesori di famiglia rimasti, Trenitalia, L’eni eccetera eccetera, che sono le uniche cazzo di cose che funzionano, chiedete agli inglesi com’è andata la liberalizzazione delle ferrovie)-

    Se ce la mettono nel culo questa volta, ce lo meritiamo.

Lascia un Commento