Definireste “povero” il leghista Castelli?

httpv://www.youtube.com/watch?v=8hnShvBPiTQ&feature=share

Ci hanno tampinato tutta l’estate con la casta, gli eccessivi costi della politica, l’abolizione delle province. Come ben si sa, dalla manovra emerge solo la solita musica: i privilegi sono intoccabili, “paghino i poveri timorati di Dio”, per dirla alla Guzzanti (Paolo ovviamente).

La cultura della casta si può evincere da questo video di Roberto Castelli, ex Guardasigilli ed eccellente “trombato” alle scorse amministrative a Lecco. L’ingegnere (questo il suo precedente lavoro), dichiara che da quando è in politica, quindi povero poiché, secondo la concezione marxista, vive solo del suo lavoro, che gli frutta 145000 euro senza tenere conto dei vari benefits di cui gode un parlamentare.

Una cultura di superiorità che porta  l’ex ministro a prendere in giro chi, quelle cifre, le riesce a guadagnare in neanche 20 anni di lavoro. Il solito sberleffo alla faccia dei cittadini, cioè dei suoi datori di lavoro, presi in giro da chi (pensa di) avere una cultura superiore, ricorrendo alla filosofia per giustificare le proprie smargiassate: ci arrivò Manzoni oltre 200 anni fa. Non ci provi ministro, l’Italia (non la Padania) non è fessa!

Commenta con il tuo account Facebook

Giorgio Pittella

Sono nato a Milano un anno e mezzo prima della caduta del Muro di Berlino, da genitori lucani portandomi nell sangue le diverse percezioni della penisola. Da sempre appassionato di politica, vengo insignito del titolo di "sindacalista" sin dalla quinta elementare e "comunista" sin dalle materne, quando le maestre scrutano preoccupate un mio disegno sui funerali di Berlinguer, con falce e martello ben in vista. Ho coniugato la mia passione con i miei studi, iscrivendomi alla Facoltà di Scienze Politiche di Milano, e scrivendo per Qds. Da sempre appassionato di giornalismo, specialmente quello d'inchiesta. Vedo calare drasticamente la mia media voti alle scuole medie dopo un articolo nel giornalino di classe in cui accusavo la prof. di religione di valutare secondo simpatie e antipatie, venendo così meno ai buoni principi cristiani. Tra le mie altre collaborazioni, ho scritto di politica per il sito web di una web-radio e ho scritto per un web-giornale universitario. Sono anche molto appassionato di storia, di filosofia, di arte e di musica e sfegatato tifoso juventino

Lascia un Commento