“Maledetto il Paese che ha bisogno di eroi”

httpv://www.youtube.com/watch?v=0Tjm4pG__0o

Berlusconi si sfoga al telefono. Vuole abbandonare il ” paese di merda ” in cui governa da diciassette anni.

E’ stanco e preoccupato. Molti personaggi pericolosi lo ricattano: arrivisti, arriviste e malavitosi.

La sua priorità è abbandonare un’ Italia che gli ha perdonato scandali sessuali, attacchi ingiusti alla giustizia e alla Costituzionale, volgarità e disinteresse e deturpazione di una patria che era molto stimata all’ Estero.

Non lo farà. Non rinuncerà alla carica di Primo Ministro. Senza immunità, senza politica, potrebbe organizzare feste e raccontare barzellette sconce esclusivamente in una prigione.

In Italia vince facilmente. I suoi avversari sono deboli, incompetenti ed insicuri.

Lo aiutano quando è in un momento difficile, si nascondono quando è nel momento del trionfo.

Tanta merda è stata spalata in Italia e il dato non lo si può censurare. La colpa è di una classe politica modesta, incapace di seguire l’ esempio dei grandi uomini : Pertini, Berlinguer, De Gasperi, Matteotti, Falcone, Borsellino e un centinaio tra uomini della scorta, magistrati e cronisti uccisi dal malaffare dilagante al quale si erano opposti.

Brecht scriveva: “Maledetto è il paese che ha bisogno di eroi “.

Agli eroi il Belpaese può anche rinunciare, ma ai grandi uomini che lottano e si sacrificano per qualcosa di meglio no. Che siano imprenditori che rinunciano a pagare il pizzo, operai che costruiscono case, magistrati e giudici coraggiosi che cercano di provare chi è buono e chi non lo è, giornalisti indipendenti che raccontano le nefandezze del mondo a rischio della propria vita, politici onesti che aiutino il popolo a migliorare una condizione sociale, giovani che scendono in piazza per difendere il diritto allo studio, alla cultura e al lavoro, rinunciare a loro non si può.

About Cerminara Francesco

Sono uno studente iscritto al corso di laurea in Lingue e Culture Moderne dell' Università della Calabria ( Arcavacata di Rende)... guardo film e ne scrivo spesso sul mio blog, detesto quando si commercializza l' arte e quando il potere manipola e distrugge la civiltà.... la parola è uno strumento di resistenza. " Emancipate yourselves from mental slavery" cantava Bob Marley

Check Also

Beppe Sala Paolo Borsellino

Promemoria per Beppe Sala su Paolo Borsellino

Il sindaco di Milano ha nominato ai vertici di A2A Renato Mazzoncini, rinviato a giudizio per truffa, in violazione ai principi della Carta di Avviso Pubblico a cui aveva aderito.

Lascia un commento