Una vecchia intervista a la Stampa di Cicchitto che spiega come Craxi e Martelli, nel 1981, si comprarono il Psi con i soldi della P2. Un'intervista che viene diffusa sempre troppo poco.

Cicchitto (1993): “Craxi si comprò il Psi con i soldi della P2”

 

Di Fabrizio Cicchitto oramai è arcinota l’imitazione di Max Paiella, che fa letteralmente cascare dalla sedia. Così come sono noti i titoli di alcuni suoi flop editoriali (L’uso politico della giustizia pare sia l’ultimo), il fatto che fosse iscritto alla P2 (fascicolo n. 945, tessera 2232), così come il fatto che fosse un socialista. Lombardiano agli esordi, viene espulso dal Psi, salvo poi rientrarne nel 1987 sotto espressa volontà di Bettino Craxi, di cui diventerà un fedelissimo. Salvo, appunto, fino a Mani Pulite, quando tutti quelli che oggi incensano lo statista Bettino ai tempi gli davano del ladro e lo scaricarono per provare a salvarsi (ma oramai la mutazione genetica impressa da Craxi al Psi era irreversibile e quel che rimase di quel partito confluì in Forza Italia… cfr Sacconi, Frattini, Brunetta, Tremonti).

In particolare Cicchitto ha più volte, in questi ultimi tempi, riesumato una sorta di nostalgia per Craxi, evocando complotti di toghe rosse, addirittura della Cia che voleva fargliela pagare per Sigonella, e così via. Eppure ecco cosa disse in un’intervista che non si pubblica mai abbastanza (io è un annetto che la ripubblico su vari blog), datata 19 novembre 1993: “Ho capito, ad esempio, che Bettino Craxi e Claudio Martelli c’erano dentro fino al collo con Gelli e Ortolani. Ad esempio, la storia dei 30 milioni di dollari, del conto Protezione, mica è uno scherzo. C’è da credere davvero che in quegli anni, con tutti quei soldi, si siano comprati il Psi.

Dunque, in quegli anni, Cicchitto, che subito dopo sarebbe diventato capogruppo al Senato del Psi con Ottaviano del Turco (succeduto a Craxi nella segreteria), ce l’aveva a morte con Bettino.

Sicuramente ora ha cambiato idea. La domanda è: perché? Se è vero (e lo è perché lo hanno accertato le sentenze) che nel 1981, tramite il conto protezione, Craxi si comprò il Psi, distruggendo il più antico partito italiano e aprendo la strada al Berlusconismo, ci si chiede come faccia ora Cicchitto a parlare di complotti contro l’ex-segretario del Psi.

Mistero. Nel frattempo, noi riflettiamo su queste parole.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

69 commenti

  1. silvio berlusconi è figlio di craxi, cosìcome quasi tutto il pdl da guzzanti a ferrara, anticomunisti e craxiani, poi si sono aggiunti tutti quelli che volevano soldi facili e immediati

  2. Simona Piemonte attraverso Facebook

    Per vergognarsi bisogna avere una coscienza

  3. Salvatore Mura attraverso Facebook

    cicchitto alias ON. CICCHETTO; parla proprio lui che di craxi è stato non solo portaborse ma anche reggipalle………

  4. Signore perdona loro percchè non sanno quello che fanno, ma anche quello dicono (e hanno detto).

  5. Almeno si sciacqui la bocca prima di nominare Enrico…..

  6. Franco Elia attraverso Facebook

    Del Berlusca e della mafia.

Lascia un Commento