Dalemiani che parlano di Questione Morale? Siamo alla frutta

Fabrizio Rondolino, un nome (e un curriculum) una garanzia. Noto alle cronache come dalemiano di ferro, lothar del partito assieme ai compagni Minniti e Velardi (di questi, solo uno è rimasto in area centrosinistra). Inizia come cronista per l’Unità, prosegue come responsabile della comunicazione nello staff di Massimo D’Alema, poi passa a curare la comunicazione del primo Grande Fratello. Ora si occupa di cose più consone (se così si può dire) collaborando con il Giornale, di famiglia berlusconiana.

Succede che per scrivere sul quotidiano di famiglia Berlusconi devi sputtanarti e non poco, e Rondolino lo fa ben volentieri. Sputtana tutta la sua onestà intellettuale con un pezzo al vetriolo contro il moralismo ipocrita del Partito Democratico. Ammetto che in un primo momento mi sono lasciato persuadere dal pezzo, dal momento che credo fermamente che i democrats abbiano al loro interno persone di dubbia moralità e che esista una questione morale.  Il lothar però non ne è persuaso e nel suo pezzo si limita semplicemente a condannare il “così fan tutti” dichiarandolo però implicitamente. Siamo tutti belli e puliti, ma nel cesto ci sono uova marce: Bersani ammettilo e ammetti che è così anche per gli altri. Parafrasando Rondolino,il succo è questo: non esiste una questione morale ma isolati uomini di malaffare, non esiste un sistema basato su questo;  mi spiace ma io non sono d’accordo.

Del resto che aspettarsi da uno tira in mezzo Enrico Berlinguer e  addita la  questione morale come “odiosa” che servì al PCI solo per rimarcare la sua essenza di partito onesto ma che non servì strumentalmente per governare? La verve del Lothar prosegue nel suo osceno pezzo canzonando Enrico, arrivando persino a fargli il verso sul marciume dei partiti che governavano “in virtù di un patto sciagurato fondato sulla corruzione e sull’appropriazione indebita delle risorse pubbliche” e ipotizzando un collegamento fra la sciagurata questione morale di berlingueriana memoria e l’intervento giudiziario che pose fine alla Prima Repubblica, come se la prima fosse stata causa della seconda. Inutile ricordare a tutti che la questione morale fu un monito: le cause di Tangentopoli sono dovute allo stesso  sistema marcio che si alimentava con bustarelle e tangenti.

In sintesi, Rondolino smarca la morale dalla politica, canzonando Berlinguer,  quasi giustificando lo scempio e la corruzione su cui si poggiava il sistema politico italiano fino al ’92. Sarà pur vero che la morale è smarcata dalla politica, ma quando morale e politica non stanno in equilibrio, è lecito pensare che qualcosa che non va dovrà pur esserci. E mi spiace, ma non sono d’accordo nel dileggiare Enrico: valori come onestà, affidabilità, fiducia nei propri rappresentanti contano e non si può far torto a un personaggio come Berlinguer di aver posto l’accento sui valori senza aver guadagnato il governo. Non si può far torto a Berlinguer di essersi issato al di sopra del malcostume politico italiano, basato su tangenti e corruzione: Enrico era un politico onesto, Craxi era un politico corrotto morto latitante. E sinceramente poco importa se uno non ha usato tutti i mezzi leciti per arrivare a Palazzo Chigi: il valore delle persone si vede al momento della loro dipartita, sia politica che fisica. Il primo salutato da un oceano di persone il giorno dei suoi funerali a Roma, il secondo cacciato dalla politica a suon di monetine e morto lontano dalla sua patria poiché latitante.

Secondo Rondolino “la Seconda repubblica, nata sull’onda di una ribellione «morale» sapientemente alimentata da giornali, giudici e politici in cerca di facile successo, rischia ora un destino analogo: ma più volgare, più meschino, più subdolo.” Insomma, per scrivere per il giornale di Berlusconi bisogna sputtanarsi profondamente al punto di dover mascherare Tangentopoli come il più grande complotto contro la storia della politica italiana.

Lo faccia pure Rondolino, di gente disonesta intellettualmente ne è pieno il paese. Ma non tocchi Berlinguer, né perché può arrivare alla statura morale del personaggio, né perché per Enrico certi valori valevano più di mosse strumentali: la differenza è questa, c’è chi si sputtana per poter vivere, c’è chi conserva la sua coerenza e fa delle sue idee la propria ragione di vita. Lascio ai lettori stabilire chi è l’uno chi è l’altro.

Commenta con il tuo account Facebook

About Giorgio Pittella

Sono nato a Milano un anno e mezzo prima della caduta del Muro di Berlino, da genitori lucani portandomi nell sangue le diverse percezioni della penisola. Da sempre appassionato di politica, vengo insignito del titolo di "sindacalista" sin dalla quinta elementare e "comunista" sin dalle materne, quando le maestre scrutano preoccupate un mio disegno sui funerali di Berlinguer, con falce e martello ben in vista. Ho coniugato la mia passione con i miei studi, iscrivendomi alla Facoltà di Scienze Politiche di Milano, e scrivendo per Qds. Da sempre appassionato di giornalismo, specialmente quello d'inchiesta. Vedo calare drasticamente la mia media voti alle scuole medie dopo un articolo nel giornalino di classe in cui accusavo la prof. di religione di valutare secondo simpatie e antipatie, venendo così meno ai buoni principi cristiani. Tra le mie altre collaborazioni, ho scritto di politica per il sito web di una web-radio e ho scritto per un web-giornale universitario. Sono anche molto appassionato di storia, di filosofia, di arte e di musica e sfegatato tifoso juventino

Check Also

Lo avrai, camerata Kesselring

Processato nel 1947 per crimini di Guerra (Fosse Ardeatine, Marzabotto e altre orrende stragi di …

39 comments

  1. Salvatore Forte attraverso Facebook

    rotolino…..rondola.Il massimo dovrebbe vergognarsi:quando il GRANDE ENRICO era ai cancelli della Fiat per combattrere contro il Craxismo anti operaio

  2. Salvatore Forte attraverso Facebook

    lui,il massimo,era a Roma a preparare qualche regata.

  3. mitico il numero di “Cuore” con “Hanno la faccia come il culo”! Io ce l’avevo,e l’ho conservato come quello con “Il papa Comunista!”!

  4. Sono alla frutta però se dicono certe cose è anche perchè gli attuali dirigenti hanno calpestato l’eredità politica e morale di Berlinguer.
    Fassino, D’Alema, Veltroni e gli altri del baracchino non del botteghino devono andare in miniera

  5. I Lothar che con il loro “capo” presidente del Consiglio D’alema avevano tarsformato Palazzo Chigi , come disse più volte l’ex senatore Avvocato Rossi , in una merchant bank : ora Rondolino scrive per il Giornale, Velardi era a capo della campagna elettorale del rivale PdL di De Magistris, altri sono in affari finiti in diverse indagini ….

  6. non è che gli altri sono razzisti sono io che so’ meridionale

  7. E certo, il gatto e la volpe mica volevano fregare Pinocchio! La fatina non capiva nulla, voleva soltanto farsi bella agli occhi degli altri. Non fa una piega… Hasta siempre Enrico!

  8. Daniela Meinardi attraverso Facebook

    Tutto cambia perchè non cambi niente!

Lascia un commento