Compagni, evitiamo le polemiche interne: tutti uniti contro le Destre

Oggi mi hanno chiesto in molti di commentare le parole di Bersani e di altri esponenti del PD. Mi hanno anche chiesto a chi attribuissi lo stacco di Pisapia di oltre sei punti e mezzo sulla Moratti. E che ne pensavo di De Magistris che vinceva a Napoli su Morcone. E dei grillini che risultano determinanti e addirittura terzo polo in alcune città. Ebbene, non ho intenzione di commentare alcunché, se non che questo risultato è storico e dobbiamo andarne fieri tutti quelli a cui hanno contribuito. Non ha vinto nessun partito, hanno vinto i cittadini e la società civile. Ha vinto la buona politica. O meglio, potrebbe vincere.

Perché se a Sinistra passiamo le prossime due settimane a litigare tra di noi su chi ha vinto, di chi è il merito, “avevo ragione io, no io”, rischiamo di mandare all’aria un risultato STORICO per meri interessi di bottega. Dopo la vittoria, dirò la mia e farò le mie analisi e ricostruzioni. E così dovranno fare tutti. Per le prossime due settimane dobbiamo LAVORARE TUTTI, casa per casa, azienda per azienda, strada per strada, per confermare il risultato e vincere i ballottaggi, soprattutto qui a Milano.

Pisapia va sostenuto in ogni modo, con ogni mezzo, con ogni idea: dopo tutti i nodi verranno al pettine, MA SOLO DOPO. Dunque, tutti in formazione a testuggine di latina memoria, uniti, compatti, verso la meta, respingendo volgari attacchi ed evitando di inseguirli sulle polemiche che scateneranno (si inventeranno di tutto per screditarlo, la macchina del fango è già in azione).

E se a qualcuno venisse in mente di guardarsi l’ombelico e parlare di se stesso, gli altri hanno il dovere morale di infilarlo in mezzo al gruppo, in modo che non venga notato. Perché il miglior favore che possiamo fare ad una Destra senza idee e contenuti, è quella di metterci a litigare su meriti e demeriti. Di quelli si discuterà dopo. Ora l’obiettivo è vincere, liberare Milano e l’Italia dalla malapolitica, dalla paura, dalla corruzione, dal parassitismo di una Destra sempre più eversiva, illiberale, sfascista e volgare.

Pisapia ha preso 315.862 voti, pari al 48,05%. La Moratti è ferma a 273.401 con il 41,56%. Sono 42.461 voti in più che possono farci vincere il ballottaggio, se li manteniamo e, soprattutto, li aumentiamo. Faranno di tutto per tenersi Milano e dare ancora un po’ di ossigeno al Cavaliere. Noi dobbiamo fare di tutto per riprendercela Milano, dopo 17 anni di violenza politica, morale, culturale.

Se non ora, quando?

Commenta con il tuo account Facebook

About Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Check Also

#SkamItalia non deve morire

Io cominciai a seguirla un po’ per caso, incuriosito dal sommovimento di fan che invadeva …

27 comments

  1. Evviva! Tutti uniti contro la destra. Prossima tappa: Milano-Napoli!

  2. Nicola, forse ti sfugge il significato di “civile”, che dal latino cives, significa “cittadini”. E che affibiato alla società civile non ha nulla a che vedere con volgare. Qualsiasi considerazione sull’andamento elettorale INTERNO alla Sinistra, per quanto ci riguarda, è rimandato di 2 settimane. EB.IT STAFF

  3. @Nicola: per società civile si intende quella parte della società non organizzata in partiti, penso che quando si vuole parlare di politica forse i concetti fondamentali dovrebbero essere noti altrimenti si fatica a capirsi! Personalmente poi ritengo che chi vota a sinistra ha una marcia in più anche sul piano civile in quanto non si occupa solo di sé ma anche della collettività e questo raramente avviene a destra, meno che mai con il berlusconismo!

  4. Bene bene ,fuori dalle palle la Moratti, per sempre.

  5. Sono ASSOLUTAMENTE d’accordo con le idee dell’articolo, per cui mi scuso se mi soffermo su di una cosetta molto secondaria, però, da vecchia prof in pensione, gradirei anche un certo rispetto per la forma espositiva. Come si può scrivere : …dobbiamo andarne fieri tutti quelli a cui hanno contribuito”?

  6. Non dimenticatevi di Cagliari …. anke qui si dovrà sudare parekio…. cmq io penso positivo :))

Lascia un commento