Michele Serra: “Nessun disgusto, provo solo dolore”

di Michele Serra, da La Repubblica del 15 maggio 2011

Se i figli delle vittime difendono i carnefici: Tobagi Alessandrini e Rossa stanno con Pisapia amico dei terroristi che uccisero i loro genitori”. Vi prego di annotarvi questo titolo (prima pagina del “Giornale” di ieri) che è riuscito, dopo una vita che leggo i giornali, a farmi venire le lacrime agli occhi dal dolore.

Avrei preferito scrivere: dall´ira, o dal disgusto.

Ma era proprio dolore, dolore per la morte profanata, per gli affetti sconciati, per la verità brutalizzata, per quei tre padri e quei tre figli.

Tre padri di sinistra (il socialista Tobagi, il comunista Rossa, il magistrato progressista Alessandrini) ammazzati dal terrorismo rosso che odiava la sinistra democratica quasi quanto la odiano, oggi, quelli del “Giornale”.

Tre figli rimasti di sinistra anche in memoria di quella lotta per difendere lo Stato e la democrazia, anche per onorare i loro padri. Che oggi si sentono rinfacciare di “difendere i carnefici dei loro genitori” – non so se riuscite a cogliere la leggerezza dell´accusa, ad apprezzare lo stile raffinato – perché votano a sinistra e non a destra, come farà mezza Milano, mezza Milano dunque “amica dei terroristi”.

Perché comunisti, sinistra, terroristi, brigatisti, per questi avvelenatori della memoria, della storia, della politica, del giornalismo, sono la stessa cosa, lo stesso infame branco da spazzare via, come ripete del resto da vent´anni il loro capo. Mi chiedo quanto irrisarcibile, incolmabile odio possa partorire un titolo così.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

27 commenti

  1. alle cose sane, godibili, costruttive, positve, serene, condivisibili, umane dunque

  2. una sola parola,servi dei padroni…….dei loro padroni. il loro tempo sta per finire,è tutti i nodi verranno al pettine.

  3. bisogna chiudere il giornale e chi dice non è democratico lo sputo in faccia

  4. per scrivere cazzate è infangare la gente questi(giornalisti senza idee)sono stipendiati profumatamente dal NANO.

  5. per questo lecchino del nanopadrone chi non vota il suo capo deve essere per forza comunista, ha definito tale anche Fini!

  6. Perché Il giornale è un giornale, quei due sono solo dei cialtroni servi del padrone, sempre incazzati. Ma noi ci saremo sempre alla faccia loro.

  7. chi condivide le parole del Giornale
    lo invito a leggere il libro di Maurizio Viroli: LA LIBERTà DEI SERVI.
    ciao da guido Ipazia

    come pioveva a Genova
    come pioveva a Gen ova

    nel saluto a Guido Rossa
    come pioveva!

Lascia un Commento