Hanno paura di perdere

“No, non dite di essere scoraggiati, di non volerne più sapere. Pensate che tutto è successo perché non ne avete più voluto sapere.”
(Giacomo Ulivi, partigiano assassinato nella Piazza Grande di Modena il 10 novembre 1944)


Hanno paura. Questo è chiaro. L’aria è cambiata e hanno provato a buttarla in caciara come al solito, parlando d’altro, anziché di quello per cui dovrebbero essere scelti dai cittadini. I comunisti, i terroristi, i ladri d’auto, i puzzoni: sono alla frutta, lo dicono anche i sondaggi (rigorosamente segreti, quelli che girano per gli entourage elettorali e mai sui giornali). E provano a radicalizzare lo scontro, ma questa volta si sono tirati la zappa sui piedi.

Ho la fortuna di avere tra le mie amicizie molte persone che votano e anche alle politiche continueranno a votare Berlusconi: fortuna perché, deo gratia, è gente con cui ci si può parlare, oneste intellettualmente, pronti a riconoscere errori e sbagli della loro parte, così come io sono sempre così pedissequamente presente a sottolineare le loro, ma soprattutto quelle della “mia” parte (non a caso ho una rubrica che si chiama il rompiballe su questo blog). Ebbene, queste persone che sono berlusconiane all’inverosimile, domenica voteranno per Pisapia. Io non volevo crederci, ma loro lo faranno. E non è gente del popolino, rappresentano interi pezzi della Milano bene che fino a ieri serrava i ranghi al credo berlusconiano.

Quindi, il rischio di perdere Milano Berlusconi ce l’ha. Con qualsiasi altro candidato non ci sarebbe stata partita, ma la Moratti ha dalla sua il marito petroliere che ci mette 20 milioni di euro, risorse finanziarie immense, quindi ha dovuto cedere. Così come, se vincerà, la Moratti dovrà cedere il posto di vicesindaco a Salvini (il leghista che voleva fare i posti per milanesi sugli autobus), la via intitolata a Bettino Craxi alla figlia Stefania e tanti altri debiti che si è guadagnata per il sostegno che oscuri capi-bastone le hanno dato. Ma il problema è che tutto si giocherà per una manciata di voti, e questo la Moratti lo sa. E sa anche che il suo elettorato, in caso di ballottaggio, potrebbe essere molto meno fedele (gli effetti negativi della casa al mare), mentre quello degli altri partiti (Terzo Polo, 5 stelle) andrebbe a votare per Pisapia.

Berlusconi ha, dunque, rincarato la dose, dicendo che Pisapia è “amico dei violenti” (i centri sociali), mentre la Moratti, che non si è scusata ed è stata querelata per diffamazione aggravata, lo ha definito “amico dei terroristi”. Si beccherà un’altra querela, ma nel frattempo il dato politico è che hanno paura di perdere la roccaforte. E se il Berlusconismo perderà Milano, Berlusconi va a casa.

Ma anche Napoli è importante: infatti ha promesso un decreto per fermare l’abbattimento delle case abusive (alè, viva la legalità), mentre oramai nemmeno più i soldati bastano per ripulire la città e favorire il suo candidato, Lettieri, che in un eventuale ballottaggio con De Magistris (accreditato vincente su Morcone), avrebbe la peggio.

Hanno paura di perdere. Farli perdere dipende tutto da noi. Domenica andate a votare, esprimete la preferenza (è fondamentale per neutralizzare i pacchetti di voto controllati dai clan) e portate quanta più gente possibile al voto. BISOGNA MANDARLI A CASA!

 

Commenta con il tuo account Facebook

About Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Check Also

#RenziSalvini, due facce dello stesso degrado

Non che ce ne fosse bisogno, ma il confronto televisivo tra Matteo Renzi e Matteo …

25 comments

  1. APPELLO AGLI ASTENSIONISTI MILANESI …VOTATE DOMENICA PER LE AMMINISTRATIVE E MANDATE A CASA LA CRICCA DI BATMAN …COSI CI LIBERIAMO ANCHE DELLO PSICONANO …GRAZIE !!!!!

  2. Silvio Murisengo via Facebook

    Ora mi chiedo: quale genitore acconsente che suo figlio si vesta di nero, usi e lanci bastoni e coltelli e funi …anche per strangolare, e soprattuto di notte massacri di botte gli avversari? La madre di Hitler? No, é più facile: la madre di Batman! Ora sapete chi é quella violenta.

  3. bisogna crederci arrendersi mai con certi personaggi!!!

  4. Sarebbe bello ma attenzione ai brogli elettorali,sono troppo convinti di vincere,occhi aperti specialmente per i rappresentanti di lista!!!!in bocca al lupo sono di Genova l’anno prossimo tocca a noi!Ciao

  5. aspettiamo che il gatto sia nel sacco,e’ poi si vedrà.

  6. Salvo Scalinci via Facebook

    io invece li manderei a fare in c++ ++

  7. CREDIAMOCI….. diamogli un calcio nel CULO!!!!!

  8. Rosy Bella via Facebook

    il gatto e la volpe, mandiamoli a casa

Lascia un commento