Come difendersi dai virus di facebook che girano in giro per il social network più popolato del pianeta.

Virus in facebook: non cliccate quei link

Qualche attento osservatore avrà notato che da qualche settimana a questa parte sulla propria bacheca saranno apparsi dei link dei propri amici non propriamente convenzionali: o di battute, o di video shockanti (come quello dell’esecuzione di Bin Laden) o di invito ad applicazioni come “note”. Ebbene, esattamente come le mail di spam che inondano i vostri pc di virus, trojan e chi ne ha più ne metta, gli specialisti del settore (al secolo hacker) hanno sviluppato questa nuova tipologia di virus che funziona solo su facebook, vi infetta l’account (con esiti ancora da verificare) e riproduce sulle bacheche dei vostri amici (a vostra insaputa) lo stesso link che avete inavvertitamente cliccato pensando si trattasse di una delle solite note o altro.

E’ facile capire quando si tratta di un virus del genere: la lingua è sempre quella inglese. E a meno che i vostri amici non siano soliti parlare con voi in lingua anglosassone, difficilmente dovreste cascare nel tranello informatico. Come stanarli e difendersi? Segnalare questi link come spam a facebook è l’unica arma attualmente disponibile. Nell’attesa che anche facebook si doti finalmente di sistemi che rendano sicure la navigazione. In realtà un mezzo per proteggere i vostri dati personali da eventuali hackeraggi c’è, ma facebook lo tiene saggiamente nascosto.

Il punto è che se nella barra di navigazione l’indirizzo di facebook non si presenta come https://, allora significa che non state navigando in sicurezza e qualsiasi hacker, con programmi demenziali, può rubarvi l’account. Facebook non attiva in automatico la navigazione protetta perché per poter usare giochi, applicazioni terze e altro bisogna disabilitarla, quindi ci perde denaro sonante. Perché in fondo, per loro, perso un account se ne fa un altro.

Visto che questo blog è letto da 30.000 persone ogni giorno e ha una platea di fan che sfiora i 200.000, mi pare doveroso segnalare la procedura per mettersi in sicurezza.

Cliccate su Account in alto a destra, quindi su “Impostazioni Account“. In “Protezione dell’account” troverete l’opzione “Naviga su Facebook con una connessione protetta (https), quando possibile.” Il quando possibile è ovviamente quando usate giochi o altro; in quel caso, fb vi chiede se volete passare alla modalità non protetta finché utilizzate il gioco. Alla fine della “partita”, tornerete in modalità protetta. Come vedete, è possibile proteggere la propria privacy e far guadagnare facebook in tutta tranquillità. Ma per dirla alla Zuckenberg: “Morto un account, se ne fa un altro.” (in fondo anni di relazioni, contatti, note, link sono solo una serie di 0 e 1 per lui…)

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

28 commenti

  1. Agnese Bernardi via Facebook

    grazie ..buona giornata a tutti Voi

  2. Fabio Mazzi via Facebook

    Bella dritta!

  3. Io ho trovato una soluzione molto efficiente: non ho mai avuto un account su FaceBook. E’ una rete ideata e gestita da neonazisti americani: cosa vi aspettavate?

Lascia un Commento