Il libro di Giacomo Galeazzi e Ferruccio Pinotti che tra amicizie chiacchierate, gestione dei fondi Ior e vicinanza a gruppi come l'Opus Dei e Comunione e Liberazione tratteggia un profilo diverso dalla mistificazione operata per beatificare il santo padre a tempo record.

Wojtyla Segreto: il vero volto di Giovanni Paolo II

A pochi giorni dalla beatificazione del pontefice polacco, esce la contro – inchiesta di Ferruccio Pinotti e Giacomo Galeazzi, edita da Chiarelettere (leggi la prefazione del libro)
di Giuseppe Pipitone (da “I Quaderni de l’Ora”, http://www.iquadernidelora.it/articolo.php?id=237)

Mikhail Gorbavìciof diceva che “Senza Wojtyla non si può comprendere ciò che è avvenuto in Europa negli anni ’80“. Oggi Giovanni Paolo II sta per essere nominato beato, dopo appena sei anni dalla sua morte. Papa Benedetto XVI, il successore ed erede, ha deciso di iniziare le pratiche di beatificazione addirittura un anno e mezzo dopo la morte di Karol Wojtyla. Una velocità incredibile. Soprattutto se comparata ad altre pratiche di beatificazione che attendono da anni di essere portate a compimento da anni, come nel caso di Padre Pino Puglisi.Proprio pochi giorni prima dalla beatificazione del pontefice polacco, prevista per il primo maggio a piazza San Pietro, è uscito in libreria Wojtyla Segreto, la prima vera contro inchiesta su Giovanni Paolo II, edita da Chiarelettere. Nel libro, firmato dal vaticanista de La Stampa Giacomo Galeazzi e dal giornalista d’inchiesta Ferruccio Pinotti, si ricostruisce la storia di Karol Wojtyla, dagli anni a Cracovia fino alla viscerale politica anticomunista operata da pontefice. Tra amicizie chiacchierate, gestione dei fondi Ior e vicinanza a gruppi come l’Opus Dei e Comunione e Liberazione, Pinotti e Gaelazzi tratteggiano un profilo diverso dalla mistificazione operata per beatificare il santo padre a tempo record. Ferruccio Pinotti, giornalista de L’Arena di Verona e autore di libri- inchiesta di successo come “Poteri Forti” e “La Lobby di Dio” ammette che ” c’è una parte interna alla Chiesa, neanche troppo piccola, che è contraria alla beatificazione di Giovanni Paolo II”.

– La prefazione (leggi) del libro è firmata dal vescovo di Mazara del Vallo e presidente Cei per l’Immigrazione Domenico Mogavero. E’ stata una scelta dovuta proprio all’esigenza di testimoniare il dissenso interno alla beatificazione di Wojtyla?

Mogavero è  una voce che storicamente non è “allineata” in Vaticano. Negli ultimi anni si è espresso su temi politici e sull’immigrazione in maniera obiettiva, non per forza “allineato” con le ufficiali posizioni della Santa Sede. Mi sembra che anche nella prefazione del libro si esprima in maniera univoca sulla beatificazione di Papa Giovanni Paolo II.

-Mogavero però non è l’unica voce interna al Vaticano in disaccordo con la beatificazione di Wojtyla.

Assolutamente. Nel libro riportiamo la testimonianza del teologo Giovanni Franzoni che nel corso del processo di beatificazione ha elencato dei gravi dubbi sull’ansia e la velocità di beatificazione di Wojtyla. Ma non è l’unico. Non dimentichiamo che il processo di beatificazione di Wojtyla è passato davanti quello di Paolo VI o del vescovo di El Salvador Oscar Romero, che proprio con Giovanni Paolo II era entrato in conflitto per i suoi cattivi rapporti con il governo militare del suo paese, finendo poi ucciso mentre diceva messa.

 – C’è chi dice che senza Wojtyla il comunismo non sarebbe mai crollato.

Possibile. Quello che è certo è che esisteva dagli anni 50 un “progetto Wojtyla”, ovvero un progetto per un papà anticomunista preparato a dovere. Nel libro raccontiamo come Wojtylia sia sin dalla giovinezza il pupillo dello storico monsignore polacco, il principe Sapieha. Proviamo un attimo a guardare ai fatti: Karol Wojtyla  prende i voti a 26 anni, diventa vescovo a 38, cardinale a 47 e Papa a 58; una carriera davvero fulminante.

– Nella scheda del libro c’è scritto che Wojtyla Segreto vuole essere un appello documentato contro la beatificazione. Ma in che modo?

Nel libro ci sono almeno 4 punti della storia di Giovanni Paolo II che dovrebbero bloccare il processo di beatificazione. Innanzitutto le politicihe economiche dello IOR. Wojtyla, fervente anticomunista, aveva bisogno di soldi per combattere l’Urss e quindi ha dovuto affidarsi in toto a Marcinkus. Lo Ior riciclava i soldi di Cosa Nostra, di Sindona, di Calvi. C’è una lettera abbastanza esplicita del ex presidente del Banco Ambrosiano a Giovanni Paolo II, scritta poco prima di morire a Londra. Lo Ior finanziò ingentemente con denaro sporc il sindacato anticomunista polacco Solidarnosc e lo fece per volere del Santo Padre. Il viscerale anticomunismo di Wojtyla lo portò a ditruggere e mal tollerare tutti coloro che in Vaticano praticavano la cosiddetta Teologia della Liberazione: Romero è uno di questi. Sempre in chiave anticomunista aprì le porte del Vaticano a movimenti che negli anni ’80 erano embrionali ed ora sono delle vere e proprie lobby. Pensiamo all’Opus Dei e a Comunione e Liberazione. Non a caso Wojtyla conosceva Escriva, il fondatore dell’Opus Dei, già dal 1942.  Non ultimo il silenzio nei confronti del problema della pedofilia: i più atroci atti di pedofilia sono stati commessi durante il pontificato di Papa Giovanni Paolo II, è credibile pensare che proprio il pontefice e proprio quel pontefice non ne sapesse nulla? Aldilà della beatificazione, stando ai fatti  Giovanni Paolo II è stato un papa più simile ai Borgia.

Commenta con il tuo account Facebook

About Qualcosa di Sinistra

Check Also

Lo avrai, camerata Kesselring

Processato nel 1947 per crimini di Guerra (Fosse Ardeatine, Marzabotto e altre orrende stragi di …

66 comments

  1. ci saranno anche quelli,gli uomini fanno la chiesa,x cui neanche là c’è perfezione e santità,ma x chi è capace,lo sguardo va”oltre”

  2. Enrico era un signore, vero, non si sarebbe mai prestato al gioco di tirar su ‘gli ascolti’ cavalcando l’onda dell’anticlericalismo! Aveva troppo rispetto del prossimo… Enrico era un signore, lui!

  3. Trinko Lleffe via Facebook

    gli ascolti? ma santa pupazza, gli amministratori di questa pagina pensano all’Auditel, secondo voi?

  4. NON SIETE DEGNI DI PARLARE IN NOME DI BERLINGUER! LUI UNIVA.. NON DIVIDEVA IN MANIERA COSI’ STUPIDA!

  5. Certo che l’invidia di non passare alla storia nè all’immortalità provoca in taluni un livore che se non corrode il fegato..andrebbe espulso in bagno,data la provenienza di certe dichiarazioni..ah ah che patetici e..poveretti

  6. Maurizio Di Nicuolo via Facebook

    scusate ma un bel chissenefrega se er papa è beato, e beato a lui….ma co’ tutti i c…i che c’è stanno in giro mo proprio de uno morto dovemo parlà, ma pensamo ai vivi che e’ mejo.(passatemi lo slang dialettale ma oggi è festa)

  7. Trinko, è risaputo che andiamo in onda ogni giorno, da lunedì a domenica, dopo il tg1, per 7 minuti, e ci pagano 3000 euro a puntata. Ovvio che pensiamo all’auditel, anche agli incassi, figurati. Ed è risaputo che abbiamo azioni in chiarelettere, nel fatto quotidiano e all’ora e che siamo finanziati dai sionisti di Israele. Ah, dimenticavamo, siamo pure di destra. Ma non ditelo in giro. -.-‘ EB.IT STAFF

  8. solite minchiate…vai a cagare te che usurpi il nome di Enrico…

Lascia un commento