I sondaggi danno il centrosinistra avanti di 3 punti: Berlusconi non è più maggioranza nel Paese, ma può tornare ad esserlo se il PD deciderà l'alleanza col Terzo Polo.

Pd-Idv-Sel sono maggioranza nel Paese

 La notizia è arrivata ieri su Il Sole 24 Ore. A darla è il politologo Roberto D’Alimonte: se il Pd si allea con Italia dei Valori e Sinistra e Libertà è in vantaggio. Precisamente, avrebbe il 44,1% dei voti contro il 41,2% di Pdl e Lega. Il centrosinistra avrebbe così raggiunto “quota 40”. “Questa è la condizione necessaria per vincere alla Camera – spiega D’Alimonte – ma non è sufficiente perché il dato è solo virtuale e può nascondere una grande illusione. Il centrodestra è una cosa chiara, il centrosinistra è una cosa vaga. Del centro-destra sappiamo tutto: leader, coalizione e programma. Del centrosinistra non sappiamo niente. Non c’è una coalizione, non c’è un leader, non c’è un programma”. La cosa chiara, per ora, è che a “quota 40”, il centrosinistra ci arriva se si allea con Idv e Sel, non con il Terzo Polo.  di D’Alimonte spiega anche un’altra cosa: che il Pdl soffre un evidente “indebolimento”: dal 37,4 delle politiche del 2008 è sceso al 28,6% di potenziali elettori. Eppure resta il primo partito, visto che il Pd si ferma al 27,8.

   La rincorsa al centro non paga: secondo i sondaggi del Sole, una coalizione con Pd e partiti di centro si fermerebbe al 33,5 per cento. E in questo scenario, il 28,4 per cento degli italiani voterebbe una coalizione con Idv, Sel e altri partiti di sinistra, mentre primo in classifica sarebbe il centrodestra, con il 38,1 per cento dei voti.

Spiega D’Alimonte: “Il polo di centro diventerà determinante per la formazione di qualunque governo. I partiti di centro potranno presentarsi agli elettori come quelli che possono costringere Berlusconi a fare un passo indietro senza il rischio di favorire una vittoria dei ‘comunisti-giustizialisti’. In questo scenario non c’è posto per una alleanza con il Pd”. Ma l’analisi

In questa fase – avverte il politologo – tutti i sondaggi ci danno dei dati ‘freddi’, destinati a cambiare nel momento in cui si surriscalda la campagna elettorale. In assenza di alternative credibili la capacità persuasiva del Cavaliere può fare miracoli nel rimobilitare gli indecisi-moderati”. 

Può far miracoli, nel perdere, anche il tafazzismo della sinistra di governo targata PD. Speriamo, però, nel miracolo inverso questa volta.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

25 commenti

  1. ok, basta. Stiamo bene così. Adesso, come dice Beppe Grillo, tutti i politici del centro-sinistra chiusi in una beauty farm fino al termine delle elezioni!!!

  2. Rita Roncaglia via Facebook

    Se il PD ha fatto allenze con l’ UDC in molte realtà amministrative, altro che Tafazzi !!!!!!!

  3. il vero problema che pd e idv sn centristi, dv e finito il pci ? il vero partito degli operai?

  4. possiamo spiegare al PD che essere di sinistra non è una vergogna?

  5. Daniele Perrone via Facebook

    magari fosse così semplice. Non c’è alcun dubbio sul fatto che il cs sia il più favorito, però c’è il problema del terzo polo che è decisivo per qualsiasi maggioranza. Praticamente, con questa legge elettorale, la presenza del terzo polo implicherebbe l’ingovernabilità di qualsiasi coalizione vincente perché il numero di posti in parlamento per terzo polo+minoranza sarebbe comunque maggiore della maggioranza.

Lascia un Commento