Nel Pdl, dopo gli ultimi sondaggi (quelli veri, che non vengono pubblicati sui giornali), lo scandalo firme di Formigoni, i manifesti anti-giudici, si è scatenata la guerra di tutti contro tutti, con la Moratti che cerca di smarcarsi dal partito e chiede l'esclusione dell'autore dei manifesti dalle liste. E intanto Calise, 20 anni, cresce nei sondaggi a scapito di entrambi.

La guerriglia fa tremare il PDL: a Milano la Moratti è in caduta libera

Pensavano che lo scontro li privilegiasse, ma i Milanesi, a quanto pare, non dimenticano cinque anni di disastrosa amministrazione Moratti, che è in caduta libera nei sondaggi, tanto da dover contraddire il partito sui referendum (voterò 4 sì) e a ricorrere alla solita polemica con Pisapia (che al ballottaggio secondo tutti gli istituti di ricerca vince 52 a 47) dell’aborto e delle coppie di fatto. Nonostante una campagna elettorale pesante e pressante, la Moratti non riesce a sfondare e quel che è certo, freme di ira Ignazio La Russa dagli USA, che la vittoria al primo turno se la sogna. E, se Berlusconi continua a radicalizzare lo scontro con le istituzioni trasformando il voto amministrativo in un referendum su se stesso, anche al secondo.

Anche l’ultima dichiarazione pubblica del sindaco di Milano, alle prese con lo scandalo della bat-casa del figlio e l’attacco frontale dell’arcivescovo di Milano su immigrati e impunità, rivela il timore di non farcela: infatti, dopo che domenica aveva ricevuto l’investitura ufficiale su un delirante Berlusconi che parlava di nuova moralità, oggi smentisce il premier e il candidato Lassini, autore dei manifesti anti-giudici “Via le BR contro le procure“, che a livello nazionale sta portando Napolitano alla soluzione finale: le elezioni anticipate.

Quel che è certo, a Milano, è che i cosiddetti voti moderati si stanno spostando sul Terzo Polo, mentre Pisapia, la cui presenza sulla scena elettorale a dire il vero si nota poco, vive di rendita il momentaccio del sindaco uscente, ma non riesce ad intercettare gli elettori storicamente astensionisti e che, seppur di Sinistra, non vanno a votare da anni. Cosa che invece, a sorpresa, sta facendo Mattia Calise, il candidato sindaco del Movimento 5 stelle, che a soli 20 anni sta aumentando lentamente, ma considerevolmente, i consensi alla sua lista, nonostante la criminalizzazione di settori della Sinistra benpensante, che cercano già di intestargli l’eventuale sconfitta di Pisapia (anzichè parlare dei loro programmi, il che mi pare geniale per aumentargli i consensi di quelli che non vedono grandi differenze tra centrosinistra e centrodestra, anche alla luce della recente affittopoli).

La vittoria a Milano si deciderà sul filo di lana. Un consiglio a Pisapia e compari: forse non è il caso di insultare oltre modo i c.d. “grillini”. Non sarebbe infatti molto geniale e coerente insultarli oggi per chiedergli il voto domani.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

25 commenti

  1. ha puntato tutto, sull’ estetica, della città…. brutta lurida…. ha dimenticato, il sociale !! ma molti milanesi,se la cercano, tutt’ ora !! e non sono, nemmeno incentivati !! parlo di gente povera…. è questa, la rabbia più grande !! l’ ignoranza….<3

Lascia un Commento