Qualcosa di Sinistra vince, grazie ai suoi lettori, la battaglia contro la CENSURA!

Passione, Ideali, Onestà: così abbiamo vinto la censura

Posto che oramai il sottoscritto non ci sperava più di vedere Qualcosa di Sinistra, che conta su una community di quasi 150.000 fan su facebook attraverso la fanpage di Enrico Berlinguer, di nuovo tra le fonti di Wikio.it, fa sempre piacere che la mobilitazione online dia i suoi frutti. A quanto pare, infatti, l’indirizzo email info@wikio.it è stato tempestato nei 17 giorni di censura (da venerdì 4 a ieri lunedì 21 marzo) da migliaia di lettori inferociti dal fatto che non potessero più votare i nostri articoli e condividerli attraverso il famoso motore di ricerca dei blog. Se le mie continue mail non erano state minimamente prese in considerazione, le vostre critiche feroci hanno convinto Wikio a re-inserirci tra le fonti e a scusarsi in maniera un po’ maldestra per il “disguido” tecnico.

Guarda un po’, tutti gli articoli di ben 2 settimane (per un totale di oltre 30.000 condivisioni su facebook e 70.000 visite) non sono stati però indicizzati e l’articolo più letto e condiviso di sempre, il discorso di Calamandrei sulla Costituzione, è stato lasciato fuori dall’indicizzazione, insieme a tutti gli altri articoli dello speciale sull’Unità d’Italia. “Problemi tecnici” li chiamano loro. Paura folle, la chiamo io. Di cosa? Del fatto che un gruppo di giovani politicamente e culturalmente attivi, senza soldi, senza partiti alle spalle, solo con passione, ideali e tenacia, abbiano costruito un blog che giovedì raggiungeva il picco di 6200 visitatori unici assoluti, con una media di lettori di 3500 ogni giorno.

Un blog che, prima della censura e degli sgambetti (di non si sa bene chi, ma possiamo immaginarlo, visto che proprio gli articoli contro Ferrara e il suo ritorno in Rai sono stati l’inizio del lungo periodo di censura preventiva su Wikio), in appena 3 mesi era balzato dalla top5000 alla top500 (414° posizione) dei blog più letti d’Italia (classifica generale), mentre in quella di politica si piazzava al 42° posto (e se qualche manina non avesse magicamente azzerato il nostro rating, ora saremmo nella top20, al 17° posto). Tutto questo senza soldi, senza sponsor, senza che nessuno di noi sia “famoso”, militi in un partito o goda di pubblicità dai blog di gente certamente mediaticamente più in vista.

Per questo ci tengo a ringraziare voi tutti, che ci seguite, che ci leggete, che ci supportate. Sinceramente, noi scriviamo per esprimere le nostre idee e per riflettere e far riflettere: delle classifiche non ce ne frega nulla (anche se qualche riconoscimento del nostro lavoro non ci fa proprio schifo, eh). Per far andare di traverso la colazione ai tristi figuri che hanno de facto messo in piedi il nostro oscuramento, oltre a continuare a leggerci e a condividerci, VOTATE gli articoli di Qualcosa di Sinistra su Wikio qui: http://www.wikio.it/sources/www.enricoberlinguer.it/qualcosadisinistra-72V1f/contents

Darete più visibilità al blog, a EB.IT e alle battaglie che portiamo avanti. E soprattutto, daremo una bella lezione a chi ci boicotta in tutti i modi. Da soli siamo il nulla, NOI siamo qualcosa. Qualcosa di Sinistra.

Rimanete sintonizzati e… PASSATE PAROLA!

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

14 commenti

  1. Speriamo di essere sempre più tanti, tanti, tanti!!!!!

  2. Fausto Rossi via Facebook

    quelli che piansero la morte di Enrico,ora piangono perchè D’Alema è ancora vivo!(politicamente s’intende)

  3. enrico mazzucato

    sono felice della….vittoria e auguro…..buona continuazione l’informazione…….è la nostra libertà…

Lascia un Commento