Una Piccola, Semplice Storia

 

di Domenico Calabria, via “Qualcosa di Sinistra DILLA TU!”

Novant’anni fa, il 21 Gennaio 1921, nasceva in Italia il Partito Comunista, il “vecchio” PCI.

Importanti iniziative si stanno svolgendo per ricordare l’evento con grandi mostre in cui – attraverso immagini e documenti storici – vengono raccontate storie di grandi uomini di un partito che, comunque la si pensi, ha fortemente influito e contribuito alla costruzione della nostra democrazia.

La storia del PCI è fatta, però, anche da storie semplici di gente semplice che nelle piccole sezioni di paese ha trovato amici, confronto e conforto. Da queste piccole storie spesso sono maturate grandi lotte di giustizia e legalità, qualche volta sfociate in tragedia.

Così è avvenuto in Calabria dove, per decenni, la lotta politica alla ‘ndrangheta è stata affidata quasi esclusivamente ad alcuni coraggiosi militanti del PCI. Piccoli grandi eroi oggi dimenticati, così come è dimenticata o stravolta nell’Italia di oggi l’intera storia del Partito. Perciò abbiamo il dovere di raccontare alle giovani generazioni ciò che è stato, far loro respirare l’aria di quelle stanze che, pur se malsana per il fumo e la polvere, racchiudeva sani valori e saldi principi. L’esatto contrario dei salotti di oggi.

A Peppino Valarioti, Giannino Losardo, Rocco Gatto, Ciccio Vinci e ai tanti altri che con coraggio si sono battuti per la giustizia nella Calabria di quegli anni, va il pensiero e la dedica di una piccola semplice storia.

UNA PICCOLA, SEMPLICE STORIA
Piccola stanza piena di fumo, vecchi manifesti di Lenin ingialliti ma “intoccabili”, accanto alla stampa con il ritratto di Berlinguer e, poco più in là, il grande simbolo con la falce e il martello e la scritta “VOTA P.C.I.”. Vecchie sedie in legno disposte confusamente lungo le pareti ed altre in plastica bianca, da usare per le grandi occasioni, accatastate in un angolo. Il grande tavolo del segretario è coperto da un grande panno rosso che lo ricopre interamente per nasconderne il suo stato pietoso. Nella stanzetta accanto (quella con le piastrelle perché un tempo era stata una cucina) i pannelli ammassati con le foto della mostra utilizzati all’ultima festa dell’Unità, i manifesti arrotolati, buoni per ogni stagione e i fac-simile dell’ultima campagna elettorale da utilizzare come carta per appunti durante le riunioni. Dietro una porta che non si riesce a chiudere, un piccolo bagno maleodorante con il vaso e il lavabo sotto cui ci sono i secchi da riempire con l’acqua e la colla in polvere da versare lentamente, mescolando con un pezzo di legno ricavato da un manico di scopa spezzato.

Al giovane compagno è stata consegnata una copia della chiave della porta d’ingresso principale con l’incarico di aprire ogni pomeriggio. Se ne compiace per la fiducia che gli “anziani” gli hanno riposto per un compito che ha un senso anche se nessuno dei compagni si farà vivo: bisogna comunque far vedere la porta aperta e la luce accesa perché altri sappiano che il partito c’è ed è attivo.

Entra l’anziano operaio che ha appena terminato la sua dura giornata di lavoro, con gli abiti ancora sudici. Ha la tessera dal 1948 e non perde occasione per mostrarla orgoglioso ai giovani della FGCI. Arriva il segretario, un omone dalla faccia buona ma dallo spirito battagliero. Deve preparare il suo intervento in consiglio comunale: stavolta ha l’intenzione di denunciare pubblicamente i soprusi della ‘ndrangheta di cui nessuno parla se non sottovoce al bar della piazza, mai nella sede comunale. Aspetta che arrivino gli altri fedelissimi e aspetta soprattutto il giovane compagno universitario; sono in gamba questi giovani: combattivi, anche se un po’ troppo irruenti, con nuove idee e un nuovo linguaggio che spesso si scontra con quello crudo dei compagni “storici”. Lo aiuterà ad elaborare un intervento deciso ma chiaro, che faccia capire a tutti da quale parte si schierano i comunisti, senza compromessi.

Arrivano gli altri. Qualcuno solleva qualche dubbio sull’iniziativa cercando il più possibile di mascherare la paura. La discussione si accende ma alla fine la decisione sarà una, e fuori da quella porta nessuno saprà chi ha avuto tentennamenti.

La decisione è presa: si va avanti, bisogna ribellarsi alla prepotenza e convincere tutti a non aver paura.

Si torna a casa. Il giovane compagno chiude la porta conservando gelosamente la chiave. L’universitario è soddisfatto per i complimenti ricevuti. L’anziano operaio si avvia stanco verso casa dove lo aspetta la moglie con un pasto caldo. Il segretario ripassa e anticipa il suo intervento nella sua mente, escogitando piccoli espedienti affinché non traspaia il minimo segno di paura di cui altri se ne compiacerebbero. Dovrà nascondere quella stessa paura anche davanti alla moglie e al piccolo figlio, consapevole che il rischio vale la soddisfazione per aver contribuito a lasciare anche a lui una Calabria migliore.

Commenta con il tuo account Facebook

About Qualcosa di Sinistra

Check Also

#Mafia, 30 anni fa il CSM pugnalava #Falcone

«Uno dei miei colleghi romani nel 1980 va a trovare Frank Coppola, appena arrestato, e lo …

18 comments

  1. commovente, anche perché, seppure nella realtà della Toscana rossa, anch’io provengo dalla Fgci e dal Pci. Qualcosa di sinistra? Non morirò democristiana, come disse Gloria Buffo al Congresso di scioglimento dei Ds. Mai!!!

  2. bellisima storia d’altri tempi e’ spiacevole dover dire la la vera politica e’ finita da tempo la favolosa “QUESTIONE MORALE ” DEL GRANDE ENRICO bERLINGUER e’ finita nel dimenticatoio oggi si pensa piu’ al Dio denaro che alla politica in se stesso.Ma noi continueremo a lottare ed a riportare i grandi valori della politica.Grazie Enrico

  3. sono di sinistra ma con questa sinistra di oggi non mi rispecchio ridatemi il mio P.C.I

  4. pisapia deve ritirarsi, lotta alla ndrangheta ma anche alla tacita accettazione di alcune irregolatezze! per essere veramente di sinistra!

  5. Lauraelisa, questo è un articolo scritto da un compagno che vive in Calabria e che ha voluto rendere pubblica, per l’appunto, “una piccola, semplice storia” di quotidiano impegno civile contro la ‘ndrangheta, in ricordo dei tanti compagni del PCI che sono caduti combattendola. Che c’entra ora Pisapia e Milano? EB.IT STAFF

  6. Sono entrato nella FGCI nel 1970, e negli anni ho conosciuto tante persone – tutte tra loro differenti – che si battevano per degli ideali di democrazia, pace, libertà e giustizia sociale. Tra loro Dolores Ibarruri la Pasionaria, Rafael Alberti, il primo sindaco di sinistra di Roma Luigi Petroselli, Emrico Berlinguer, Walter Veltoni, D’Alema, Giovanni Berlinguer, Giuliano Pajetta. Bella la descrizione che fa Domenico Calabria della sezione per “far loro respirare l’aria di quelle stanze che, pur se malsana per il fumo e la polvere, racchiudeva sani valori e saldi principi.” Stona un po il “cesso maleodorante” e la polvere, noi tenevamo molto a tenere presentabile la sede del Partito, per quanto ingombra di carte, manifesti e anche oggetti per la difesa dagli attacchi squadristici dei fascisti nemici della democraziia. Oggi sono iscritto al Partito Democratico, che rispecchia le mie idee anche se ci sono alcuni che hanno posizioni discutibili, (ma c’erano anche nel PCI, che non merita il titolo di “vecchio”) e frequento la stessa sede che acquistammo con una sottoscrizione tra gli iscritti.
    Per questo non capisco “L’esatto contrario dei salotti di oggi”. Non è un salotto, è uguale a allora, anche se io che ero un ragazzo sono – diciamo così – maturo e ci sono nuovi giovani di una nuova generazione, tutti di sani valori e solidi principi! L’unico salotto che conosco è qullo di …. Serena Dandini!

  7. mi manca il compagno Fausto,mi sento orfano——

  8. mi sono ricordato di quando si incontravano compagni con l’unità in tasca….non c sii conosceva ma si avvertiva un qualcosa anche difficile da descrivere e che ora francamente non avverto più…

  9. ANGELO è vero ma esiste oggi la sinistra? a noi è rimasto lo spirito e niente più mi sbaglio?

Lascia un commento